Ogni parola, per ora, sarebbe superflua. Per farsi un’idea della tappa romana del Confessions Tour basterebbe, comunque, leggersi il solito Gino Castaldo su Repubblica.

Per quanto mi riguarda, la scoperta di un nuovo mondo (musicale).

Ciao blog :-)

Leave a Reply