A spasso per via delle Quattro Fontane. Negozio kitsch vende orrendi magneti. Si notano, vicini, quelli di Che Guevara, Mussolini, papa Ratzinger e Giovanni Paolo II; e, poco visibile in questa foto, quello con una bandiera italiana e un pene.

Buona domenica.

Massaggi al Tour de France.

October 21st, 2006

Senza testa.

October 21st, 2006

“Dimenticare è contagioso”. Siamo in Germania.

Le discriminazioni, per chi è gay, possono iniziare prestissimo. Direi negli anni delle scuole superiori. Questa pubblicità norvegese centra appieno il problema e, soprattutto, dimostra di avere i controcoglioni: perché associa la questione dell’orientamento sessuale ad un’età delicata, quella degli under 18 (argomento solitamente taboo).

Prematuro.

October 20th, 2006

Alla Gs di piazzale degli Eroi per poco non mi prendeva un colpo: sono già in vendita gli addobbi natalizi.

E un velo di tristezza scese sui Quattro salti in padella nel mio carrello.

Buongiorno.

Questa settimana River presenta un 45enne – logorroico – in cerca di coppie. Chi volesse la sua e-mail, potrà scrivermi e chiedermela. Auguri.

“Maschio in divisa 45enne, di indiscussa serietà e riservatezza, sentimentalmente impegnato ma con molto tempo libero a disposizione, senza preclusione di giorni e orari compreso il dopo cena, normale aspetto fisico (ivi compresa dotazione del pene), leale e non invadente, perfettamente conscio del proprio ruolo di singolo, partecipe o contemplativo non fa differenza alcuna (l’importante è trasgredire nel pieno rispetto delle regole, senza avventurarsi in stupide quanto inopportune iniziative), conoscerebbe una coppia di coniugi max 55enne, con lei anche non bella (l’aspetto fisico lo ritengo ininfluente) purché molto calda, vogliosa e disinibita per intima e duratura amicizia o semplice incontro trasgressivo. Graditissima coppia ospitale, molto semplice ed alla “mano”, con la quale poter dialogare e talvolta cenare insieme, (ristorante, pizzeria od altro va benissimo), per familiarizzare ed evitare lo squallore che accompagna gli incontri da una botta e via. Se esiste una coppia con tali requisiti, fuori dai soliti luoghi comuni, che non si lascia catturare solo dall’aspetto fisico in generale di un uomo, quale dotazione asinina, fisico statuario e via discorrendo, capace di credere ancora nell’importanza di certi valori come l’educazione, il buon senso, la lealtà e la correttezza (essenziale nella vita di tutti i giorni, ma fondamentale in un contesto del genere dove c’è poco da scherzare), si faccia avanti. Garantisco e pretendo salute, pulizia e discrezione. Indispensabile foto, anche normale, corredata da due righe di presentazione e cellulare. Prego astenersi categoricamente uomini soli, coppie con lui bsx, coppie mercenarie e coppie promotrici di locali privé, dove non andrò mai per incontrare. Non posso ospitare”.

Body modifications.

October 19th, 2006

Non so come definire tutto ciò.

A casa. Il volo, per uno che, come me, odia volare, è stato schifoso. Due ore e mezza di turbolenze, leggere, ma pur sempre ansiogene. Accanto a me un simpatico pilota Alitalia, che ha avuto la pazienza di rincuorarmi e sopportarmi. Non ha aiutato l’aereo, un 767, che nella Business Class non offriva neanche lo schermo tv individuale. Assurdo: basti pensare che le grandi compagnie asiatiche hanno lo schermo su ogni sedile persino nella Economy. Povera Alitalia. Povera anche nell’aeroporto Newark: nessuna saletta vip, i passeggeri della Business vengono fatti accomodare in quella della Virgin. Splendida.

Corro a dormire.

Ciao blog.

Tetta e metro.

October 17th, 2006

Due domande:

1) Cosa è successo alla tetta sinistra della Bellucci, fotografata alla festa del Cinema di Roma?

2) La causa del tragico incidente nella metro A è il passaggio con il rosso di uno dei treni. La società che gestisce il trasporto metropolitano a Roma ha subito puntualizzato: “Il treno è passato con rosso permissivo“. Ne deduco che d’ora in poi per presentare ricorso contro una multa, basterà dichiarare che si è passati col “rosso permissivo”.

Ciao blog.

New York/ river-blog-graffiti.

October 17th, 2006

Auto-referenzialità allo stato puro.

New York/ Opportunities.

October 17th, 2006

Lo confesso. Provo una invidia neanche tanto velata verso gli americani. Mi è bastato dare una sbirciatina al sito della Condè Nast, per incrementare il mio già scarso senso di fierezza italica. La Condè Nast, per intenderci, è un colosso editoriale che partorisce, tra le altre cose, Vogue, GQ, Vanity Fair e The New Yorker. Ebbene, i signori, come fanno quasi tutte le aziende Usa, hanno creato un sito per le opportunità di lavoro nel gruppo. Sconvolgenti: cercano redattori, caporedattori, managers, e altro ancora. Nella sola città di New York hanno 27 offerte di lavoro. Per intenderci: è come se il Gruppo Espresso pubblicasse un annuncio del tipo “cercasi giornalista per la Repubblica”. Mera utopia.

A volte è davvero frustrante essere italiani.

New York/ Turisteggiando.

October 17th, 2006

Ritornato alla statua della Libertà. Solito vento freddo. Vista mozzafiato, as usual. Ai controlli ho dovuto mostrare la bottiglietta di sciroppo per la tosse.

Sopra il museo dell’immigrazione. Sotto il Whitney, che ospita un’esposizione su Picasso e l’arte americana.

Coca Cola fritta.

October 16th, 2006

Avevo sentito di gente che con la Coca-Cola riusciva a sciogliere la ruggine. Ma mai di qualcuno che si inventasse un dolce a base di Coca-Cola fritta. Servito con panna e ciliegina.

Disgustoso.