Un altro Paese.

January 30th, 2007

“Non ci sarà nessuna esenzione per le agenzie cattoliche che, come tutte le altre agenzie britanniche per adozioni, saranno obbligate a non fare discriminazioni fra i richiedenti a causa delle loro preferenze sessuali. Il premier britannico Tony Blair si è dovuto piegare al volere del suo gabinetto e del suo partito, negando qualsiasi concessione alla chiesa cattolica. L’Equality act sarà sottoposto al voto parlamentare il prossimo mese e dovrebbe entrare in vigore in Inghilterra, Scozia e Galles ad aprile: mette fuorilegge qualsiasi discriminazione, nell’assegnazione di beni, servizi e facilities, sulla base degli orientamenti sessuali dei richiedenti”.

Intanto, da noi, anche il presidente della Repubblica ha ceduto di fronte alla presunta “non-ingerenza” della Chiesa.

No tags for this post.

Leave a Reply