Iran/ Il bacino del presidente.

September 24th, 2007

Gay di tutto il mondo, gioite, il presidente dell’Iran, Mahmoud Ahmadinejad, ha finalmente deciso di uscire allo scoperto.

Sono un apostata.

September 24th, 2007

Confesso una cosa: prima di ricevere la mail di Oscar non sapevo bene cosa significasse il termine apostata.

Dal sito dell’Unione degli Atei: “Lo ‘sbattezzo’ si chiama apostasìa. Esistono tuttavia delle differenze: l’apostasia, stando al Codice di diritto canonico, è ‘il ripudio totale della fede cristiana’ e non ha bisogno di essere formalizzato; lo ‘sbattezzo’, invece, è proprio la formalizzazione, in ottemperanza alla legge italiana, dell’abbandono della Chiesa cattolica“.

Come funziona: si manda una letterina, con raccomandata, al proprio parroco, chiedendo di essere cancellati dagli elenchi (neanche sapevo esistessero…) dei fedeli della chiesa cattolica apostolica. Quando la pratica è stata conclusa, si riceve una letterina, che ufficializza il tutto. Qui la missiva ricevuta da Oscar, con l’indicazione delle conseguenze che la sua richiesta comporta.

Perché si fa? “Non sono più cattolico da diverso tempo – spiega Oscar - quindi non vedo perchè la Chiesa Cattolica Apostolica Romana mi debba contare tra le sue fila. Inoltre, la chiesa riceve dei trasferimenti dallo Stato Italiano anche sulla base del numero dei suoi Fedeli. Siccome pago le tasse, quindi sono anche soldi miei, a loro la mia parte preferirei non andasse“.

Devo ringraziare i miei genitori, che hanno scelto di non farmi battezzare. Penso sia la cosa più giusta: poter liberamente scegliere, una volta raggiunta la maggiore età. Libero di essere un apostata.

Perquisizioni religiose.

September 23rd, 2007

Aeroporto di Detroit. L’addetto alla sicurezza è musulmano (non si vede bene, ma ha un velo). Very professional (anche se non ho capito dove ha infilato le mani).

Omofobi gay?

September 22nd, 2007

Che dietro all’omofobia ci sia, spesso, qualche problema non risolto con la propria sessualità non è un mistero. Ho trovato, però, un interessante studio dell’università del Michigan, che ha cercato di fornire una spiegazione scientifica a questo assunto. Si sono presi 64 studenti di un college, volontari, e sono stati divisi in due gruppi, sulla base delle risposte fornite ad un questionario: un gruppo di omofobi, e un gruppo di non-omofobi. Uno ad uno sono stati messi in una stanza, dopo che un medico aveva allacciato al loro pene un dispostivo che consente di verificare il livello di eccitamento. A quel punto, è stato fatto partire un video porno a tematica gay.

I risultati. I ragazzi non omofobi non si sono eccitati quasi per niente. Molti di quelli omofobi, invece, hanno avuto un’erezione, spesso anche notevole. Ancora più sorprendente quello che hanno risposto ai medici alla fine della visione del film (non sapevano, infatti, che la loro erezione veniva misurata con quel dispositivo): “Il film? Non mi ha eccitato neanche un po’”.

Pubblicità/ Time Out e i cliché.

September 21st, 2007

“A Time Out non importa cosa facciate a casa vostra, ma solo quando uscite”.

La pubblicità della popolare rivista realizzata a Lisbona non mi piace per niente.

Tatuami l’occhio.

September 21st, 2007

Se non avessi visto le foto, non ci avrei creduto. Nell’articolato e controverso mondo delle body-modifications arrivano i tatuaggi del bulbo oculare. Secondo un sito inglese, il procedimento è semplice: si inietta, con una siringa, una sostanza colorante, senza andare troppo in profondità. Il tutto viene raccontato da due esperti del settore, che lo hanno provato sulla loro “pelle”: “L’occhio è molto resistente”, spiegano, sostenendo che i primi casi di questa operazione risalgono addirittura al XIX secolo. “E’ una delle forme più antiche di tatuaggio”, dicono ancora.

bizarre_magazine_5333_12bizarre_magazine_5331_12bizarre_magazine_5330_12

Buongiorno blog.

Sono un giovane religioso alla vigilia della consacrazione sacerdotale in seno alla chiesa cattolica e sto vivendo una crisi tremenda di pulsazioni omoerotiche, ultimamente ho parlato con il mio superiore e padre spirituale che caritatevolmente mi ha consigliato di abbandonarmi per una volta tanto a questo desiderio e tentazione per poi decidere quale strada intraprendere. Non posso permettermi di frequentare locali nè di cercare nei luoghi di prostituzione per ovvi motivi. Vi affido questo mio appello sperando che Dio mi perdoni e che se Lui vuole trovi un ragazzo maggiorenne (mi sento attratto dai giovanissimi a dire la verità ) che mi faccia conoscere il piacere di un amplesso, sono alla mia prima esperienza e ho il basso ventre che mi scoppia di voglia. Tu quanto vuoi per essere il mio ragazzo per qualche ora? cosa mi chiederai di fare? Sono totalmente ingenuo e imbranato, ma solo bello e ben fatto (così mi dicono tutte le beghine che vengono in chiesa). Rispondimi per favore grazie S. ocaena@email.it.

Sull’amore, davanti ad un falò.

September 20th, 2007

Belli e dannati” è stato il film col quale ho iniziato ad amare River Phoenix. E’ stato anche un film che ha segnato gli anni dell’università, le mie conoscenze, le mie prime frequentazioni nei locali gay.

Questa è una delle scene più dolci. Il narcolettico Mike (River Phoenix), davanti ad un falò, confessa all’amico Scott (interpretato da Keanu Reeves) di amarlo. Ma lo fa sapendo che quella storia non andrà da nessuna parte. Keanu fa sesso coi ragazzi solo per soldi, e alla fine si sposerà con una donna. Lo sguardo di River è poesia.

Per scoprire se un neonato è gay.

September 20th, 2007

Il sogno di ogni genitore (?): scoprire se il proprio neonato diventerà gay (per poterlo buttare via prima? Per potergli comprare gli abitini giusti?). Adesso c’è un sito che offre questo tipo di servizio: si chiama Is my baby gay ? Penso sia una via di mezzo fra una truffa e una bufala. Il funzionamento è semplice: ci si collega al sito, si stampa una pagina apposita, e la si fa leccare al neonato. A questo punto basterà spedirla alla società che offre questo servizio. Il tutto ad un costo di 19.99$. I risultati saranno spediti dopo due settimane. Se il responso sarà errato, ci sarà un rimborso del 150%. Il sistema di pagamento adottato è quello di Paypal: ho inserito dei dati fittizi, effettivamente funziona.

La notizia è di quelle che certamente farà discutere e agiterà le tonache nei palazzi di San Pietro. Gesù Cristo diventa protagonista di un film porno, “Passio“, in uscita in America dal 17 ottobre. Il regista, Matthias Von Fistenberg (immagino un nome d’arte), racconta la storia di un Gesù sex symbol, interpretato da Danny Fox. Il mio Gesù è “gay, bello e sexy e si eccita come capita a tutti noi”, ha detto il regista ad un sito. Von Fistenberg, che si definisce cattolico, si appella alla legge che regola la libertà di parola: “Tutti gli argomenti biblici possono essere liberamente re-interpretati. Forse il papa mi scomunicherà, ma non mi impediranno di esercitare liberamente la mia libertà di espressione. Di certo non viviamo più in un tempo in cui la chiesa controlla i media”. Una delle scene più “forti” che ho visto è quella dell’attore che impersona Gesù, sulla croce, che riceve un rapporto orale.

Il dvd si compra qui (materiale vietato ai minori di 18 anni).

Attentato a Beirut.

September 19th, 2007

Lo so. Non è bello da pensare. Ma a vedere un’autobomba esplodere a Beirut mi è dispiaciuto non essere lì (non ad L., che sta ancora maledicendo la nostra vacanza libanese).

Gaffe meteorologica.

September 19th, 2007

Di Riccardo Cresci, meteo-presentatore di Sky, River si era già occupato . Il ragazzo è simpatico e, soprattutto, è auto-ironico: ai commenti scherzosi di alcuni utenti – si alludeva ad un atteggiamento gayo – ha risposto con una mail al sottoscritto, in cui ringraziava per l’attenzione. Quel post è ancora tra i più ricercati di questo blog, tramite google, segno che Riccardo ha il suo seguito di fan.

In questo video (caricato da chi?) Riccardo si impappina e si lascia andare.

A volte non bisogna fare il passo più lungo della propria gamba. Lo dimostra quello che è capitato a Tiziano Ferro in occasione dell’Mtv Day milanese, sabato scorso. Dapprima, il cantante di Latina è scivolato sul classico errore imparare/insegnare: “Mtv ha imparato a molte persone come fruire della musica in maniera moderna”. Vabbè, capita anche nelle migliori famiglie. A quel punto, però, ha deciso di “regalare” al pubblico una cover in chiave electro-pop del successo di Battiato, “Centro di gravità permanente”. Il risultato non è stato dei più incoraggianti: più persone gli hanno urlato “buffone”.

Il problema di Ferro, e lo dico senza acrimonia, è che quando esce fuori dal mondo delle adolescenti – o quasi – adoranti, rischia di trovarsi di fronte ad un muro. E’ sicuramente un cantante che farà ancora molta strada, ma deve evitare di avventurarsi in campi “scivolosi”.