Massimiliano De Marco, detto Maximo, classe 1969, per chi ama le etichette è “il candidato gay” dell’Udc. E’ anche un uomo dal passato sui generis, sicuramente non in linea col classico curriculum di un candidato del partito di Casini: autore di video dove la religiosità è trattata in maniera “poco ortodossa”; gestore di un privè gay; protagonista di foto hot. Amico di Claudia Koll, oltre che regista del film “Petali di Rosa”, interpretato dalla stessa attrice, ha iniziato insieme a lei un “cammino di conversione”. Maximo è candidato nella posizione numero 23 al Comune di Roma, nella lista dell’Udc per Ciocchetti sindaco. River-blog lo ha intervistato (grazie alla redazione di Notizie Gay per la segnalazione del personaggio), e ha scoperto – con suo grosso stupore – che Maximo non ha nessun problema a dire di essere a favore delle unioni civili, anche dei gay.

Sei stato definito l’unico candidato omosessuale dell’Udc. Non vedi una contraddizione nell’essere gay e nel correre per un partito che si è schierato contro le unioni gay?
L’Udc è l’unico partito con valori cristiani in cui credo fermamente. Gesù disse: “che merito abbiamo se amiamo chi già ci ama?”. Il merito è amare chi non ci ama e indurli a capire. Con questo non dico che l’Udc odia i gay, semplicemente non riescono a comprendere, perche’ nessuno sino ad oggi ha cercato un dialogo con loro. Questo è ciò che sto facendo e che continuerò a fare.

C’è chi sostiene, tra le associazioni omosessuali, che i gay che votano a destra non siano coerenti. Tu che ne pensi?
In quale partito c’é la coerenza? Tra i vari schieramenti la sinistra e la destra sono peggio perché giocano con l’inganno, hanno governato per anni, hanno fatto tante promesse, e non hanno mantenuto mai niente. Questa la chiami coerenza?

Sei stato protagonista di foto hot e hai gestito un gay privè. Resistenze dal mondo dell’Udc?
In passato sono stato un brillante imprenditore di locali gay e non. Ne ho aperti ben 10 in tutta Roma: penso che questa citta’ abbia bisogno di giovani imprenditori per rilanciare il turismo, anche se vanno abbattuti gli iter burocratici e favorita la liberalizzazione delle licenze per dare piu’ opportunita’ ai giovani. Non vedo cosa potrebbe importare ad un partito la tipologia di locali che ho aperto: ho sempre lavorato onestamente ed e’ questo ciò che conta. Ho aperto a Roma la prima discoteca apertamente gay nel centro (il Maximilian multiclub), in anni in cui la gente aveva paura solo a dire che era gay. Io quando credo in qualcosa non ho paura di niente, non sopporto la vigliaccheria. La stampa ha esagerato con le foto hot, io non sono mai stato un porno attore, sono stato semplicemente un artista un po’ “ribelle”, che cercava di dare voce a problemi sociali. La mia non e’ mai stata una “provocazione gratuita”. Ho realizzato un calendario contro il terrorismo dopo l’attacco delle Torri Gemelle in America e mi sono fatto fotografare come un angelo nudo caduto sulla terra, ricoperto di sangue per essere stato colpito a morte. Ho realizzato un video musicale contro lo sfruttamento della prostituzione ed uno contro l’omofobia parlando di un amore incompreso tra due ragazzi. Sono stato il primo ed unico artista a subire tre censure in Italia solo perche’ viviamo in un paese di finti perbenisti. Oggi non rinnego il mio passato ma userei un atteggiamento piu’ amorevole e meno aggressivo per comunicare i disagi sociali. Questo perche’ solo da un anno ho incontrato Gesu’ nella mia vita e ho compreso cosa significa davvero amare il prossimo e dare tutto per gli altri. Il mio cammino di conversione e’ un qualcosa di cosi’ intimo che non mi sarei mai aspettato che venisse messo al bando dai media come hanno fatto in questi giorni con me! E’ una grande sofferenza, ma da quando ho compreso cosa ha passato Gesu’ durante la sua passione, non ho alcun rancore verso nessuno.

Tu cosa ne pensi delle unioni civili per persone dello stesso sesso?
Tutti gli esseri umani in un Paese democratico e civile devono avere gli stessi diritti civili e giuridici.

Hai affermato: “Tra le varie comunità quella GLBT e’ fra quelle che fa più gola ai politici… ma che subito dopo le elezioni vengono ricacciati nel loro ghetto a tacere..”. E l’Udc cosa è pronto a fare
per la comunità Glbt?

Sono certo che l’Udc sul piano civile e giuridico saprà far valere la giustizia e la democrazia. Io sono qui per battermi per il riconoscimento dei pari diritti per tutti.

Al secondo turno delle elezioni comunali, a Roma, si prospetta una sfida tra Alemanno e Rutelli: tu per chi voterai?
Ancora Rutelli? No grazie! Alemanno neanche a pensarci. Ho imparato a scrivere solo un nome: Luciano Ciocchetti.

Cosa ne pensi del candidato sindaco Franco Grillini?
Mi hanno molto infastidito le sue affermazioni su papa Giovanni Paolo II. Un politico che non ha rispetto non merita di rappresentarci. Inoltre, non condivido la sua lobby di potere basata sull’associazionismo. Io sono contro l’associazionismo perche’ e’ ghettizzante e sono a favore della liberalizzazione di ogni cosa. Comunque penso sia importante il dialogo, l’unione, cosa che non c’e’ mai stato nella comunita’ glbt e questo dipende anche da chi e’ stato al governo. Ho letto il suo programma da sindaco di Roma, parla ossessivamente di laicita’, di aprire spazi ai naturisti…con tutti i problemi che ci sono, penso che un sindaco dovrebbe affrontare ben altre emergenze! Roma e’ al primo posto in Europa per gli omicidi a carattere omosessuale: questo e’ un problema serio. La vita va tutelata prima di ogni altra cosa,  il bullismo nelle scuole andrebbe combattuto aspramente insegnando cosa significa la convivenza. Questi e tanti altri sono i problemi seri che riguardano la vita di tutti. Io ho vissuto e combattuto per la comunita’ Glbt e per i giovani di questa citta’ per piu’ di 20 anni e so quali sono le vere priorita’. Per questo vorrei istituire tre commisioni tecniche al Comune: una per le problematiche giovanili e il mondo artistico per dare piu’ possibilita’ nel mondo lavorativo; una per il mondo cristiano, per non perdere quei valori importanti che aiutano al dialogo e alla comprensione reciproca; e una per la comunita’ glbt e le minoranze sociali per combattere le discriminazioni e vivere in una citta’ che sia davvero una capitale europea.

No tags for this post.

Leave a Reply