Dieux du Stade 2009.

September 30th, 2008

Elena, grande appassionata di rugby, ha appena ricevuto nella sua casetta delle lettere la copia del calendario dei Dieux di Stade 2009. Queste sono le prime copie scannerizzate. Le note relative ai giocatori le ha scritte lei, che ha anche avuto modo di conoscerne un bel po’.

SergioParisse by you.

Il capitano della nazionale Sergio Parisse (sopra), classe 1983, fresco di nomination per il titolo di giocatore dell’anno (candidato con lui un certo Dan Carter).

GonzaloCanale by you.

Gonzalo Canale: 25 anni di Cordoba, nasce in una famiglia di rugbisti. Il padre ha un passato da giocatore sia in Argentina che in Italia ed è l’attuale direttore tecnico della squadra campione d’Italia mentre i due fratelli giocano a Venezia e Rovigo. E’ un farfallone, gli piacciono molto le donne (anche troppo), posso vantarmi di essere stata tra le poche a dirgli che ha giocato un mondiale di cacca (anziché fargli gli occhi dolci come le altre ragazze presenti). Da quel momento mi odia.

AndreaMarcato by you.

Andrea Marcato (il cui primo piano in bianco e nero non rende giustizia alla bellezza dei suoi azzurrissimi occhi) ex-giovane promessa del rugby italiano e assurto a salvatore della patria dopo i drop che hanno portato alle vittorie contro Scozia e Argentina. Gioca a Treviso come mediano di apertura o estremo.

MircoBergamasco by you.

Mirco Bergamasco, inutile presentarlo. Padovano, classe 1983, tre quarti centro/ala dello Stade Français.

Direi che si è fatto largo uso di Photoshop. Ce n’era bisogno?

Giustizia fai da te.

September 30th, 2008

Ladro punito. by you.

Mark Gilbert è accusato di aver rubato 845 sterline dal negozio in cui lavorava. Ma siccome il suo capo era assolutamente certo della sua colpevolezza, ha escogitato una punizione esemplare. Insieme ad altri tre dipendenti, lo ha buttato in terra, per legargli le mani dietro alla schiena. A quel punto lo ha fatto salire sul furgone, e si è diretto verso il centro città (Witham, nell’Essex). Prima di scendere gli ha appeso al collo il cartello che si vede in foto, costringendolo a camminare in strada, direzione stazione della polizia. Il dipendente è stato arrestato per furto. Peccato che anche il suo datore di lavoro e i compagni siano finiti in manette.

Metro A. Solita mattinata di sbadigli e pensieri. Sono seduto nel primo vagone. Oggi è giornata di palestra, con me ho il borsone blu. Ci ho infilato anche il libro di francese, dovrei cercare di fare qualche compito. Non ricordo le facce di chi mi sta seduto davanti. Nessuno di interessante. In banchina ero solo rimasto colpito da un ragazzo con i jeans così attillati che mi chiedevo come riuscisse a camminarci. Entriamo nella stazione di Lepanto. Il treno ha già iniziato a rallentare la sua corsa. Guardo fuori, e vedo una signora che si mette le mani davanti agli occhi. Un’altra sulla bocca. Altre iniziano ad uscire, di corsa. Qualcuno urla frasi che non capisco. Nel frattempo il treno ha fatto una frenata brusca. Nessun tonfo. Solo una frenata, netta. La gente guarda la testa del treno. Capisco che qualcuno è caduto sui binari. Non si sa ancora se sia suicidio o una caduta accidentale, seguita a malore. Il macchinista ha un attimo di esitazione, poi mette la retromarcia, e fa un metro indietro. Esce dalla sua cabina. Ha i capelli bianchi, sui 50 anni. Anche lui è impressionato. Riesce a farfugliare qualcosa: “Forse sono riuscito a fermare in tempo”. Ci apre la prima porta, a mano, chiedendoci di uscire. La scena sulla banchina mi disgusta. La gente è accalcata nel punto in cui l’uomo – penso che il sesso sia maschile, ma non ne sono certo – si è lanciata. Riesco solo a vedere un corpo, vestito di nero, sdraiato su un binario. Ogni tanto qualche signora che si è spinta oltre per vedere, torna indietro con le mani nei capelli. Un’altra si mette a piangere. La vigilanza invita tutti ad uscire, ma a quella folla curiosa di morte non importa. Non mi avvicino.

A Roma, di casi così, ne capitano in continuazione. Forse due al mese.

Esco dalla metro. Respiro.

Mal di testa.

September 30th, 2008

mal di testa by you.

Un ragazzo di 15 anni è stato salvato dai medici del King’s College Hospital di Londra, dopo che un coltello gli era stato conficcato nella testa. Il ragazzo sta bene.

Ripartono da Roma i casting per partecipare alla seconda edizione di X Factor, il talent show che andrà in onda in prima serata, su Rai Due, a partire da metà gennaio 2009. Riconfermati Francesco Facchinetti nel ruolo di conduttore e Simona Ventura, Morgan e Mara Maionchi in qualità di giudici. Ed è proprio alla loro presenza che domani, alle 9, presso il Grand Hotel Palazzo Carpegna di Roma, via Aurelia 431, riprenderanno ufficialmente i casting per partecipare al programma. Le selezioni proseguiranno poi sulle piazze di Napoli, Milano, Bari e Palermo. Oltre 10.000 le richieste già pervenute senza che siano ancora partiti i promo ufficiali del programma. Per partecipare alle audizioni chiamare il numero 0423/733060 o collegarsi al sito www.xfactor.rai.it  Il calendario dei casting è il seguente: 1-2 ottobre Roma; 6-7 ottobre Napoli; 13-14 ottobre Milano; 20 ottobre Bari; 29-30 ottobre Palermo.

Provini anche per il Grande Fraetllo. Sul sito www.grandefratello.it, on-line da 15 giorni con una versione completamente rinnovata, sono state gia’ superate le 10.000 candidature per diventare uno degli inquilini della casa. Da quest’anno, infatti, Grande Fratello da’ la possibilita’ di inviare il proprio provino tramite internet o tramite Mms. Sul web ci sono anche le date aggiornate dei casting itineranti per tutto il paese, effettuati, su licenza di Endemol Italia, nelle discoteche, nei centri commerciali e nelle fiere, dall’agenzia Premiere, con la collaborazione tecnica di Wobinda Produzioni. Partiranno, inoltre, il 10 e l’11 ottobre, da Roma, a Cinecitta’, i tradizionali open cast che proseguiranno poi con altre tappe in tutta Italia.

Come eravamo/ Faith tones.

September 30th, 2008

faithtones by you.

Andavano forte negli anni Sessanta.

India/Scendo alla prossima.

September 29th, 2008

Baciami in bocca.

September 29th, 2008

aubreyodaykissdog by you.

Aubrey O’Day è una che ha già fatto arrabbiare la Peta, l’associazione per i diritti degli animali. L’attrice e cantante (di chi e per cosa non saprei dire) ama presentarsi in giro col cagnetto Ginger, di rosa tinto. E, come se non bastasse, in un recente incontro con la stampa, ha voluto dimostrare l’affetto che nutre per la creatura, baciandola.

Frozen a Milano. by you.Frozen a Milano. by you.

Sono un fan degli eventi pubblici “destabilizzanti”. Prima o poi ne vorrei organizzare uno. Dalle cuscinate in piazza ai frozen. Quest’ultimo tipo – ci si blocca all’istante, per un tempo determinato, nello stesso posto – è avvenuto oggi a Milano. Organizzato dal gruppo “Lampi”, Associazione Milanese Pirlate Istantanee”, che si diverte a chiamare a raccolti i fan del genere, tramite il suo spazio su Facebook. L’appuntamento era alle 18.30 in piazza Duomo. Per 10 minuti i partecipanti si sono bloccati. C’è chi ha simulato uno scippo e chi, invece, si è baciato. C’erano anche due ragazzi. Tantissimi i curiosi, soprattutto turisti, che li hanno fotografati.

Frozen a Milano. by you.Frozen a Milano. by you.

Amore per la danza.

September 28th, 2008

Amore per la danza. by you.

Tra i feticismi che mi mancavano – ma non mi voglio addentrare troppo in questo genere di esplorazioni – c’è quello per le scarpette da danza. In verità non so se siano tecnicamente quelle usate dai ballerini. Ma questo utente su flickr le ama alla follia. Indossandole nelle situazioni più varie.

Sotto al tergicristallo.

September 28th, 2008

auto by you.

Odio la pubblicità che ti infilano sotto al tergicristalli. Quando piove si trasforma in fanghiglia colorata. E poi perché quando me ne libero in terra, mi sento in colpa per aver sporcato la strada. Quindi, spesso, la prendo, la appoggio sul sedile, e là resta per mesi. Però i ragazzi che stanno dietro a questo volantino, comparso in varie strade di Prati, sono stati bravi. Penso che la scritta non c’entri niente col sito, www.rayproduction.com, trash e ma anche molto originale. Pubblicità azzeccata. Il volantino, stavolta, è finito sul mio tavolo in salotto.

Ragazzo-Morellato.

September 28th, 2008

26092008(003) by you.

Sull’ultimo numero dell’Espresso.

Al mare.

September 28th, 2008

Al mare. by you.