I-phone, appunti sparsi.

October 28th, 2008

Dopo quattro giorni, faccio un primo bilancio del mio I-phone. Come scrivono quelli che scrivono bene, un bilancio fatto di luci e ombre.

– Il primo dramma è il correttore automatico. N-o-n v-a. Alcuni errori sono PERMANENTI. Non si potrà mai scrivere “ma” in santa pace. Lo correggerà sempre in “m’a” oppure “mamma”. Ancora: “che” viene trasformato in “chè”. Guido diventa sempre guidò. Dove viene tramutato in dov’è. Sono solo alcuni esempi di correzioni sballate.

– Alcune applicazioni sono splendide, nella loro relativa inutilità. Photoswap è una delle mie preferite: scatti una foto, a te stesso, al luogo dove ti trovi, la invii, e ricevi una foto da un altro utente in cambio. Se ti piace, puoi rispondere. Altrimenti ne mandi un altro. Il tutto nella privacy più totale: chi riceve la tua foto non saprà niente di te: se lo vorrai, potrai indicare Paese e città di provenienza. Il massimo è stato un tizio che mi ha risposto con la foto ad un bigliettino da visita, e il suo contatto msn. Mi piace anche “Who’s here”: ti dice gli utenti i-phonizzati connessi in un raggio chilometrico che scegli tu. Ho trovato tre river-lettori. Peccato che ci sia poca gente. Shazam, invece, ti aiuta a scoprire che canzone ascolti: in un bar, o da un amico che la canticchia. Avvicini il microfono, e lui ti dice titolo e autore.

– Lo schermo è comodo, ma ha un che di zozzo. Funzionando con la pressione delle dita, bisogna pulirlo in continuazione.

– Il telefono mi sembra tremendamente fragile. Se cade, è la fine.

– La consultazione delle mail è rapida e funzionale: basta un click. Per la navigazione si usa Safari. Si consiglia tassativamente abbonamento mensile flat. Con Tre pago 9 euro al mese, per 50 cazzetti (mb?) al giorno.

– La memoria è davvero notevole: ho scaricato quattro giorni consecutivi di musica, e lo spazio libero è ancora moltissimo (due terzi circa).

– Ne hanno scritto tutti: la batteria fa pena. Qualche telefonata più lunga del solito, una navigazione modesta, ed è già a terra. Ieri l’ho ricaricato complessivamente due volte.

– Mi piace la disposizione delle conversazioni via sms: sotto forma di nuvolette, come nei fumetti. Il tutto su un’unica schermata.

Leave a Reply