Front Row Main by you.

Come annunciato nei giorni scorsi, Dolce & Gabbana hanno aperto le porte ai blogger. E alla loro sfilata milanese, hanno piazzato in prima fila quelli più influenti, made in Usa. Da BryanBoy a The Sartorialist. Eccoli seduti con il loro laptop (qui la foto grande), accanto alla regina dei critici, Anna Wintour (capisco faccia figo, ma portare le cose in mano, senza borsetta, tipo sfollata fuggita via di corsa da un terremoto, non è un po’ fastidioso?).

Dolce&Gabbana, la cyber-prima fila. by you.

Però una cosa va detta: certa gente sembra vestita alla Upim.

19 Responses to “Dolce&Gabbana, la cyber-prima fila.”

  1. le Vestieriste Says:

    non mi offendere l’Anna per cortesia.. (e per Anna intendo la Piaggi)
    :)

  2. river Says:

    Lei mi sta simpatica, per il solo fatto di essere classe 1931.

  3. Alessandro Says:

    ma un portatile con la webcam ribaltabile per riprendere la passarella no? :D

  4. Johnny Says:

    Però a questi blogger hanno dato dei tavolini che fanno tanto design (zen) ma sono di uno scomodo…

  5. Andrealogorrea Says:

    detesto la Wintour. arrogante e mafiosa

  6. Matt Says:

    Certo che però a vederli sono molto più snob questi blogger superfashion che la Wintour.

  7. Filnik Says:

    La Wintour è un’istituzione! brutte scarpe…

  8. claudioRM Says:

    anna piaggi è sempre anna piaggi però èh!!

  9. Kanachan Says:

    a me più che zen quei tavolini sembrano dell’Ikea! ;-) a proposito di Ikea… ci sono stata la settimana scorsa e non mi sono potuta trattenere dall’andare alla ricerca del cartello fotografato dal River-lettore! ovviamente c’era! ed ovviamente c’era anche il “quasi”!!

  10. Not Scared Says:

    Ma non avevano paura della Wintour?

  11. francesco Says:

    Io penso che la moda da upim la facciano proprio Dolce e Gabbana (ti parlo sopratutto di qualità e non di stile, anche perchè su questo argomento bisognerebbe aprire una enorme parentesi)..ricordo ancora delle magliette vendute in via Della Spiga a Milano a più di tre milioni di lire e il cui tessuto era come quello delle magliette made in china di H&M!

  12. lwsx Says:

    @Alessandro le webcam non si possono mettere perchè la sfilata non può essere ripresa ne tantomeno fotografata a meno che non sei un addetto stampa. In questo caso i blogger non erano autorizzati a farlo.

    @Not Scared

  13. lwsx Says:

    @Not Scared
    Bryanboy in effetti un po’ di paura ce l’aveva lo confermano i messaggi postati su Twitter

  14. lwsx Says:

    E’ interessante quello che ha postato Tommy Ton di JAK and Jil sul suo blog in merito alla loro ammissione alle sfilate: “SO THIS WILL PROBABLY NEVER HAPPEN AGAIN SO I’M JUST GOING TO BLOG IT. I AM SITTING FRONT ROW AT DOLCE & GABBANA RIGHT NOW SITTING NEXT TO HAMISH BOWLES AND BRANA WOLF, ONE SEAT AWAY ON EACH SIDE FROM GLENDA BAILEY AND ANNA WINTOUR. A SEASON AGO I HAD TO WAIT PATIENTLY OUTSIDE FOR ARRIVALS AND EXITS AND NOW I’M SITTING HERE. WHAT A LITTLE TWISTED WORLD THE FASHION WORLD IS????????”

  15. river Says:

    E ha scritto in maiuscolo e con 7 punti di domanda?

    Lo avrei cacciato ;)

  16. lwsx Says:

    Veramente il blog Jak and Jil è tutto scritto in maiuscolo (stampatello maiuscolo comunque)!

  17. river Says:

    Il maiuscolo è indecente.

  18. lwsx Says:

    @Matt ti assicuro invece che, nonostante le apparenze, sia BryanBoy che Tommy Ton (due blogger in foto) sono molto simpatici e per nulla altezzosi. Prova ad avvicinarti alla Wintur e poi forse capirai che significa la parola ‘snob’, basta un suo sguardo da cima a fondo per farti fare dietro-front.

  19. Matt Says:

    @ lwsx: indubbiamente sarà vero (si, la Wintour è famosa per le sue bizzarrie che vestono Prada ;) però insomma… diciamo che nessuno dei due generi sono la compagnia che vorrei a cena o in un salotto per farci conversazione.

    Mi aspetto che prima o poi invitino quell’adorabile stronza delle Malvestiste :)

Leave a Reply