Campagna della francese “Adot”, un’organizzazione che promuove la donazione degli organi, per sensibilizzare il pubblico anche sul tema dell’omofobia.

Sotto allo slogan anti-gay “Dio odia i froci” – tatuato sul corpo di un morto che ha donato gli organi – l’amara considerazione: “Non è mai troppo tardi per diventare una persona migliore”.

7 Responses to “Se l’omofobo dona gli organi.”

  1. ilaria Says:

    molto molto efficace.

  2. quid76 Says:

    qua non vedremo mai qualcosa del genere

  3. mercuzio Says:

    Mai visto nulla di più toccante.

  4. Luca Says:

    interessante idea!

  5. Antonio Da Rimini Says:

    poco efficace e lancia un messaggio poco chiaro!

  6. valentina87 Says:

    concordo con chi ha detto che non è d’impatto.

  7. cowboy Says:

    Facile la redenzione dopo la morte.

Leave a Reply