Mai avrei immaginato di sentirmi a mio agio in una tradizionale processione di un Paesino marchigiano sperduto sul cucuzzolo della collina. I provincialismi mi hanno sempre spaventato, così come la dimensione claustrofobica del paesino con meno di 100 abitanti. Eppure, nella serata clou dei festeggiamenti del patrono San Giovanni Battista, siamo stati bene. La sfilata, in costumi d’epoca, ha visto per protagonisti moltissimi bambini, emozionatissimi. Anche gli adulti, però, non erano propriamente a loro agio, pur essendo fieri di poter marciare tra le transenne sistemate sulla piazza principale di Camerano. Me le immagino le signore dal parrucchiere, a farsi belle per non far brutta figura. C’erano proprio tutti, in piazza: la gente di Camerano – di ogni età – e dei paesi limitrofi. Il migliore è stato un discepolo di Gesù: viso fotogenico, sfilava come un modello di D&G. Era una sorta di Capodanno in piazza. Lotteria, of course, e cibo locale (un inno al cinghiale) inclusi. Ho pensato alla dedizione con la quale la gente ha preparato quella serata, e alla fine, vedendo avvicinarsi delle minacciosissime nubi, sono anche stato in ansia per loro (qualche goccia è caduta, ma niente di tragico). E poco importa per quell’attimo di kitschissima Corrida dei dilettanti – con tanto di sosia del maestro Pregadio – presentata con enfasi da un presentatore che non aspettava altro da mesi.

Penso che, di tanto in tanto, mi piacerebbe immergermi nel silenzio di un posto del genere. Lasciare a casa clacson e l’ansia della città.

P.s. Qualche vetrina di agenzia immobiliare l’abbiamo vista, e, ovviamente, i prezzi fanno paura. A Camerano – che è a circa 7 Km dal mare – con 100mila euro si prende una bella casa, anche con giardino. Salendo di prezzo, neanche troppo, si arriva alla villa.

10 Responses to “Conero/La festa di San Giovanni Battista a Camerano.”

  1. Giampietro Says:

    River, ma per caso inviti anche gli amici a cene con proiezione di diapositive a tradimento?
    XD

  2. river Says:

    Non ho capito la domanda.

  3. torrente Says:

    riv, sono quelle situazioni in cui chiamano: “siamo tornati dalle vacanze, venite a cena?” e poi ti ritrovi costretto a sorbirti la soporifera proiezione di 890 diapositive della vacanza suddetta, prevalentemente materiale degno del premio Ignobel per la fotografia e con soggetti dall’interesse pressochè nullo.

  4. river Says:

    ahhhh.

    beh, qui basta un click e si risolve il problema ;)

  5. dg_victims Says:

    River si sa che la vita in un piccolo centro è davvero tutta un’altra vita..e tutto un altro prezzo. Il problema è che dopo un po’ in un paesino che fai, muovi continuamente la macchina per raggiungere luoghi più caotici, quindi bene per una vacanza ma non saprei alla fin fine quanto bello sia viverci

  6. george Says:

    River ma manca proprio il tipo modello D&G?
    diamineeeeeeee :)

  7. Franco Says:

    Io che ci vivo e ora più di prima visto l’evento di un anno fa, posso assolutamente dire con certezza rasente al 100% che il paese è una palla dalla dimensioni di un pianeta a scelta(Il mio il più grosso). Prendere un bus per andare a vedere un museo, una mostra o qualsiasi altra forma di intrattenimento, diventa frustrante. Manca Tutto.:) :P

  8. vic Says:

    Ci passo l’estate da sempre in un posto così, un paesino di 2000 anime in sicilia, bellissimo. La mia famiglia è roiginaria di là. Anche lì tradizioni popolari, feste paesane e una grande famiglia allargata. Se fosse tutto l’anno non resisterei,ma un mese l’anno è fantastico: distanze ridotte al punto che non serve la macchina, tutti che ti salutano per nome e ti conoscono da sempre, usi e costumi antichi che si ripetono immutabili da secoli.

  9. Beps Says:

    Bravo torrente,c’e’ anche la versione terrore.
    La coppia tornata dal viaggio di nozze…” venite ti facciamo vedere il filmino…” Balla coi lupi gli fa’ un baffo!!!!!!

  10. arcere Says:

    RAVENNA!!! la soluzione è…RAVENNA! o qualsiasi città di provincia decente…certo non un paese piccolo piccolo(camerano non è distantissimo da Ancona e in macchina sono pochi minuti) ma vivere in una città di provincia con musei e cinema è bellissimo!via dal caos di una grande città e un posto facilmente girabile in bici,e poi se la scegli bene non lontanissima da grandi città e magari ben collegata con treni e strade..ci si vive BENISSIMO!!

Leave a Reply