Justin Timberlake sputante.

September 23rd, 2010

Justin Timberlake sputante.

Per i feticisti del genere (sì, sì, ci son pure quelli).

Se penso al petto perfetto, penso a questa foto, che arriva dal set di Beverly Hills 90210, e vede per protagonista il bel 27enne Matt Lanter.

Il petto perfetto non deve essere pompato, percaritàdidio. Pettorali definiti, ma neanche troppo. Idealmente, non dovrebbe avere peli (ma se ci sono, niente depilazione). Dovrebbe comunicare una sensazione di gradevole morbidezza: una specie di pan di spagna carnoso.

Acrobazie a 130 Km/h.

September 22nd, 2010

Giocando con la vita.

Nella mensa dei cani.

September 22nd, 2010

Ma è uno spettacolo?

Il mio cane non lo farebbe mai. Appena vede qualsiasi cosa vagamente commestibile, ci si fionda sopra a razzo. Lui non esce per fare i bisogni: esce per vedere se sotto le auto rimedia qualcosa. L’ultimo fetish: i noccioli delle peschenoci. Ne ha vomitati due qualche giorno fa.

Un imbecille di nome Anjalo Abeywickrema non sapeva come far fronte all’incontinenza di cui soffriva il suo nuovo cane, Tyson, un incrocio di 3 anni di labrador. E così, per evitare che sporcasse casa, ha pensato di infilare un preservativo sul suo pene, bloccandolo alla base con una cordicella. 24 ore dopo questa brillante operazione, Tyson è stato soppresso dal veterinario: un’infezione si era difussa dai genitali alla vescica. Unica buona notizia: il proprietario del cane, 51 anni, dell’Ontario, è stato condannato a 4 mesi di carcere per crudeltà sugli animali.

Ognuno è libero di predicare ciò che vuole. E la gente è libera di credere in chi/cosa vuole. Ma se c’è una cosa che non tollero, sono quelle bestie che speculano sulla salute della gente, promettendo guarigioni impossibili – anche da malanni incurabili.

In questo video, il predicatore di turno sostiene di guarire una donna, in attesa di un’operazione all’anca.

Chissà come deve essere convivere con un leghista.

XFactor Uk, copertina da modello.

September 20th, 2010

XFactor Uk, copertina da modello.

Che sia bravo o meno, non importa, ai fini di questo post. Lui è Joe McElderry, 20 anni, e ha vinto l’XFactor inglese. Sembra uscito da una pubblicità di Abercrombie. Lui lo sa, e ci gioca.

(qui si puo’ ascoltare il suo primo single, Ambitions).

Due ragazzi si baciano per 33 ore.

September 20th, 2010

Inizio questa settimana con la notizia dell’ingresso nel Guinness dei primati da parte di due ragazzi, Matty Daley e Bobby Canciello (foto sotto). Nel campus del The College of New Jersey hanno allestito una tenda, sotto alla quale si sono baciati per 33 ore di seguito. Il tutto documentato in livestreaming.

 

Mr SkyTg24, al via le votazioni.

September 19th, 2010

Ricevute le segnalazioni sulle candidature via e-mail e nei commenti, scartati alcuni nomi (quelli del meteo, che, a quanto mi risulta non sono tecnicamente giornalisti; niente giornalisti dello sport, perché non è diretto da Emilio Carelli), il concorso per eleggere Mr SkyTg24 può entrare nel vivo.

Sotto, tutti gli ammessi.

Jacopo Arbarello
Claudio Calì
Luigi Casillo
Renato Coen
Marco Congiu
Milo d’Agostino
Paolo Fratter
Roberto Inciocchi
Marco Piccaluga
Gianluca Semprini
Nicola Veschi
Alessio Viola

Si vota nei commenti a questo post (un IP un voto), oppure inviando un’email a mrskytg24@gmail.com.

Le votazioni. Nella prima fase, si sceglieranno 8 giornalisti, che passeranno alla seconda fase. Nella terza fase ne resteranno solo 3. Infine, il vincitore. River-blog voterà solo nella finalissima, e il suo voto varrà 5 punti.

Sotto, le foto. L’unico di cui non è pervenuto alcuno scatto è Roberto Inciocchi. La mail per segnalazioni, domande o foto è mrskytg24@gmail.com

Read the rest of this entry »

L’angolo di Coco/In passerella.

September 19th, 2010

L'angolo di Coco/In passerella.

Il fondoschiena industriale di Coco, la moglie del rapper Ice-T mancava da un bel po’. Eccolo sfilare in passerella, a New York, per la collezione Primavera Estate di Sachika.

Un operaio sale su una torre, per un “normale” lavoro di manutenzione. Il gancio di protezione è usato soltanto quando l’operaio si riposa, di tanto in tanto. Nelle altre fasi di salita è completamente libero.

Da vedere a schermo intero.

Mi ha fatto sudare e ha anche provocato un leggero senso di nausea.

In America è da anni che le aziende corteggiano i blogger più influenti (leggi: i più cliccati e linkati), sottoponendo loro prodotti, servizi o garantendo loro un’entrata fissa mensile in cambio di un tot di post. E là si è anche parlato diffusamente di una regolamentazione – di fatto entrata in vigore – che obbliga i blogger a rendere noti eventuali contratti di sponsorizzazione. Insomma, X può parlar bene dell’ultima auto della Toyota, ma è giusto che, in caso, dica che la Toyota lo paga.

Qualcosa del genere sta accadendo anche da noi, se negli ultimi mesi, questo blog ha ricevuto due proposte di “post sponsorizzati”. Insomma, non c’è l’equazione “tu parli bene di X = X ti paga”, ma il senso è quello. I primi a scrivermi sono stati quelli di Liquida, per il lancio, insieme a Sky, di un nuovo magazine, dedicato al My Sky Hd. A ogni blogger selezionato, veniva chiesto di scrivere dei post a tema. “Per consentirti di raccontare la tua esperienza – prometteva la mail – ti verrà offerto per sei mesi un abbonamento gratuito a tutti i contenuti Sky incluso l’innovativo Decoder My Sky HD. Se invece sei già cliente Sky, potrai comunque dare il tuo contributo beneficiando dell’ampliando della gamma dei pacchetti/servizi da te fruiti”. Nello specifico, come blogger avrei dovuto “pubblicare mensilmente, per tre mesi, a partire da fine agosto / inizio settembre, sotto forma di post, un resoconto dell’esperienza di fruizione del My Sky HD”. Liquida garantiva totale libertà, a livello di contenuti.

Seconda mail, arrivata in questi giorni, da una società che fa parte del gruppo Wikio, aggregatore e indicizzatore di blog. “Il nostro scopo è mettere in relazione i blogger con le aziende selezionando i blog che riteniamo più interessanti e realizzando innovative campagne di passaparola online su brand, prodotti o iniziative (aiuterai le aziende che davvero lo meritano a migliorare i propri prodotti o servizi con il tuo passaparola e verrai anche remunerato)”, spiegano. “I blogger che come te parteciperanno alle campagne tramite la stesura di un semplice post sul proprio Blog riceveranno un compenso, ovviamente il post prima di essere pubblicato dovrà seguire un breve iter in cui verificheremo la regolarità del contenuto (il processo di convalida consiste nel controllo della presenza del disclaimer “sponsored conversation” e dei link no follow di modo da assicurare ai lettori del blog la massima trasparenza, cosa che invece la classica pubblicità via web non garantisce. La convalida quindi non prende in cosiderazione la natura dei giudizi espressi nel post nel quale il/la blogger può esprimere liberamente le proprie opinioni sull’oggetto della campagna)”.

River-blog non è interessato a questo genere di contratti, perché non sottopone e non sottoporrà i suoi post a nessuno, prima che questi vengano pubblicati. Scrivo quello che mi pare, quando mi pare, e parlo bene/male di chi voglio. Decidono il mio umore e il senso di roteazione dei miei testicoli. La pubblicità inserita al lato, si aggiorna automaticamente, e indipendentemente da River-blog. Ah, rende pure una miseria, ma quanto basta per pagare server e servizi vari.

E’ chiaro che si sta affacciando, da noi, nuovo trend. I blogger iniziano a fare gola agli uffici marketing. Il punto è: la blogosfera è pronta? Non bisognerebbe prima stabilire delle regole? Insomma: penso che anche i blogger nostrani debbano “svelare” i loro contratti di sponsorizzazione.