Post pretesto: mi sono ufficialmente stancato di stendere panni, aspettare che si asciughino, fare uno studio settimanale del meteo, ecc. Quindi mi compro un asciugatore. In America sono la norma: mi ricordo lo stupore del mio ex B., quando veniva a Roma e si trovava davanti ai panni stesi dalle finestre. Unico dramma: sono cari. Molto cari. Lo “spartiacque” economico è dato dalla classe energetica. Quelli di fascia B costano mediamente 500 euro. La fascia A parte da 750 euro. Sigh.

Decisione entro Natale. Si accettano consigli.

No tags for this post.

35 Responses to “La ragazza (ubriaca) nell’asciugatore.”

  1. mirko Says:

    io sono per il risparmio energetico totale…ovvero stendiamo i panni, e poi gli asciugatori rovinano troppo i vestiti, io che li lascio asciugare sulla stampella per evitare di stirarli(la cosa che odio di piu) morirei a dover usare un asciugatrice

  2. alfredo Says:

    Prova a fare una sorta di lista di nozze tra chi ti vuole bene! O fatti donare dai tuoi tanti lettori 0,50 cents tramite sms :-) io contribuirei volentieri per farti felice!

  3. river Says:

    Grazie del pensiero :-)

    Ma mi serve giusto un consiglio da chi già la usa :p

  4. ross Says:

    I miei amici che ce l’hanno sono tutti entusiasti, è anche vero che il clima di Roma è un po diverso da quello del nord dove abito io, che da ottobre a marzo non si asciuga niente. Comunque quando si rompe la mia lavatrice la prossima sarà una lavasciuga.

  5. LaGenerosa! Says:

    Ciao River,

    sono un felice possessore di una lavasciuga da 7 anni e posso garantirti che non potrei più vivere senza. Vivo in un bilocale nel centro di Firenze quindi mi è anche impossibile stendere i panni alla finestra. La sera prima di andare a letto aziono il lavaggio+asiugatura e al risveglio il bucato è pronto per essere piegato e posto nell’armadio. Inoltre è cosa ben nota che gli asciugamani e le lenzuola asciugati nell’asciugatrice escono morbidissimi, molto ma molto di più che al naturale.
    Bisogna solo fare un pò di attenzione ai capi quali slip con elastico a vista o capi particolarmente delicati. In tal caso basta scegliere una modalità di asciugatura delicata.

    spero di esseri stato utile. x

  6. zorro2 Says:

    Io l’ho appena acquistata su internet, i prezzi sono molto piu’ convenienti e si trovano varie offerte,la paghi con la carta e te la consegnano a casa, fai un giro sui vari Euronics ecc ecc per quanto riguarda i risultati purtroppo per il momento sono ben diversi da quelli di LaGenerosa, i capi escono secchi e super stropicciati, un’amica mi ha consigliato di estrarli ancora un po umidi(c’e’ la funzione prontostiro) metterli sul letto e piegarli bene con le mani provero’ ciao

  7. Everest Says:

    L’Italia è il paese del sole eppure compriamo l’asciugatrice; ci lamentiamo delle bollette salate e di non arrivare a fine mese, eppure compriamo l’asciugatrice; ci definiamo rispettosi dell’ambiente, eppure compriamo l’asciugatrice; vogliamo capi perfetti quasi da non stirare, eppure compriamo l’asciugatrice.

    Tutto ciò per suggerire a River che l’asciugatrice consuma moltissimo, inquina troppo e i capi sono più stropicciati di prima…. per me è un NON FARLO RIV!

  8. Alexiel Says:

    River, io l’asciugatrice non ce l’ho ma quando sono stata in Erasmus ho avuto modo di apprezzarla per mesi e sinceramente è una cosa che credo comprerò in seguito (quano avrò una casa mia, e soprattutto un lavoro!).
    I capi non mi sono mai usciti stropicciati, anzi venivano fuori caldi, morbidosissimi e senza necessità di stirarli! Non ho mai provato con le camicie, ma per il resto non ho mai stirato nulla durante quel periodo! Inoltre vuoi mettere con la comodità di poter lavare e asciugare senza porti problemi di spazio e di clima, ma soprattutto di tempo? Se voglio indossare un capo sporco la sera, mi basta lavare+asciugare il pomeriggio e non devo aspettare un giorno o due di sole..!
    Forse Everest ha ragione, il dispendio energetico potrebbe essere elevato, però se facessimo sempre questo ragionamento non dovremmo comprare nemmeno la lavatrice ma lavare tutto a mano..!

  9. DG_VICTIMS Says:

    River se hai spazio per stender ei panni a Roma non la usi molto perchè non c’e’ mai troppa umidità e l’inverno non è lungo cosi’ come quello delle regioni del nord dove la si usa quasi tutto l’anno

  10. svengo80 Says:

    Mia sorella (4 in famiglia) l’utilizza da anni e si trova molto bene. Oltrettutto con questo tempo non è che si hanno molte alternative per evitare di tappezzare casa con vestiti umidi… Hai voglia fare sempre gli ecologisti, non inquinare, non consumare, non bisognerebbe fare mai un caxxo…..
    L’unico però è sulla bolletta dell’elettricità, consuma molto quindi non andrei a sottilizzare sull’investimento (comunque importante) meglio fare attenzione alla classe energetica….

  11. DanieleB Says:

    Allora RIV…

    per la marca fai tu, in base a quanto vuoi spendere, il massimo lo saprai già, è MIELE

    unica cosa da cui NON devi prescindere, se non vuoi svenarti in quanto a consumi, ne dover fare un nuovo contratto con l’ENEL, per aumentare la potenza installata, è che sia un’asciugatrice a POMPA DI CALORE.
    Consuma dalla metà a un terzo rispetto a una classica con resistenze elettriche, dal di fuori non vedi differenze, ma dentro ci sono eccome!

    REX ne produce una veramente economica, considerando la tecnologia impiegata.

    Cerca con google “asciugatrice rex pompa di calore” o anche il più generico “asciugatrice pompa di calore”

    Sono le uniche che consumano anche meno di quelle americane, che funzionano a gas!

    I prodotti Zanussi-Electrolux, li trovi anche marcati Zoppas, oltre che Rex, Elettrolux, AEG, ma sono tutti prodotti negli stessi stabilimenti.

    Se hai bisogno di altre info che posso darti, chiedi pure ;-)

  12. DanieleB Says:

    Riv, mi ero dimenticato di dire: se hai lo spazio, meglio asciugatrice e lavatrice separate, è tutta un’altra cosa.
    Le lavasciuga fanno entrambe le funzioni ma con compromessi inevitabili e NON piacevoli.

    Se devi cambiare la lavatrice ti consiglio l’ottima LG F1403TDS, 8 KG in dimensioni standard, funzione vapore (documentati con google) io ne ho due, in due case separate, ovviamente, l’ho fatta acquistare anche ad alcuni miei amici e non finiscono di ringraziarmi, è rivoluzionaria e fantastica! (e con i 1400 giri, ti fa risparmiare un sacco nella successiva asciugatura)

    ciao ciao :-)

  13. ilaria Says:

    Per quanto riguarda le marche ha ragione DanieleB, esclusa la Miele le differenze sono irrilevanti. Controlla prima dell’acquisto che la centrifuga della tua lavatrice abbia il numero minimo di giri al minuto. Nel caso non farti tentare da una lava-asciuga, se non hai problemi di spazio, la soluzione migliore è sempre abbinare lavatrice e asciugatrice. Metti in conto che stirerai un po’ in più.

  14. river Says:

    Il problema di quelle a pompa di calore, è che serve un tubo che vada fuori…Insomma, un po’ scomodo nel mio caso….

  15. thedreamer84 Says:

    Ciao, primo post, primo consiglio su l’asciugatrice :)

    Io ho comprato una solarex in classe A in pompa di calore. funziona benissimo!

    Inoltre considera che per consumare meno corrente i panni devono essere centrifugati ad almeno 1000 giri/min… io ho una lavatrice che li fa a 800 g/min ed escono comunque bene.. magari impiega un pò di più ad asciugarli ;)

    spero di poterti essere stato utile

    ciao

  16. DanieleB Says:

    Riv, fai confusione.

    Le Asciugatrici si dividono in due classi principali, quelle a “condensazione” e quelle a “evaporazione” che sono quelle che dici tu, che hanno bisogno dello scarico esterno per il vapore.
    Quelle a condensazione invece, fanno condensare il vapore su una superficie fredda (scambiatore) all’interno della macchina, il vapore condensato, trasformato in acqua, gocciola dentro un cassetto-serbatoio, da svuotare, oppure da collegare, quando possibile, a un tubo di scarico, come la lavatrice (ma solo se metti l’asciugatrice in alto, sopra la lavatrice!)per non dover svuotare MAI il serbatoio.
    Nelle asciugatrici a POMPA DI CALORE, che sono la vera novità di questi ultimi anni, cambia solo il modo di generare il calore da mandare nel cestello, che avviene non per effetto Joule, tramite resistenze, ma sfruttando il ciclo frigorifero, ne più ne meno come il frigorifero che hai in cucina o il condizionatore attaccato alla parete!
    Il ciclo frigorifero è molto più efficiente delle resistenze, ecco perchè si risparmia, e ha come “sottoprodotto” il raffreddamento del condensatore (un componente interno della macchina) che viene utilissimo per “condensare” il vapore.
    Che poi gocciola nel “solito” cassetto-serbatoio.
    Quindi, Riv, nessun tubo all’esterno!
    Ti hanno male informato (non fidarti dei commessi, non ci capiscono un caz.o, fanno quel lavoro SOLO perchè non hanno trovato di meglio… sigh)

    Ciao

  17. ssa Says:

    Allora.
    Primo commento, da buon massaio, non poteva che essere su qualcosa del genere.

    Sarà una cosa che consuma tantissimo [vero] e quasi assurda in Italia, almeno al Sud, però è indubbiamente comodissima e da quando io la ho non riesco più a metter qualcosa che sia asciugato al sole. Tutto risulta più morbido e, almeno con la mia, non c’è la tragedia della stropicciatura di cui alcuni parlano.

    Fine. Senza consigli sul modello, dico solo che la ricomprerei sicuramente.

  18. O. Says:

    noi ne abbiamo una della REX a pompa di calore dal 1997. Non consuma tanto, non ha mai avuto bisogno di manutenzione, è perfetta.
    Caveat: è vero, un pochino i panni si logorano prima. Ma per questo basta scegliere quali panni asciugare nell’essicatore e quali no. Mutande, calzini, camice, bucato della palestra, tutto sì. La maglietta bella, la felpa fighetta, i maglioni (lana o cotone), anche no, anzi, decisamente no. Non è comoda… DI PIU’!

  19. river Says:

    ahhh, grazie.

    quindi, chiedo asciugatrice a pompa di calore. grazie :) ma le progetti tu?

  20. river Says:

    Questo ha un buon prezzo:

    http://www.unieuro.it/grandi-elettrodomestici/lavatrici-asciugatrici/asciugatrici/bosch-wtw84360it-3MIKCggEeMIAAAEqfINPUcsc-dKUKCggGzjwAAAEqFp11VsKa.html?JumpTo=OfferList&omnitureEvar3=browse

    Però non capisco: dice tecnologia a pompa di calore, e poi anche “asciugatura a condensa”.

  21. Layla Says:

    Vivo in Inghilterra e chiaramente qua è un elettrodomestico necessario. Quando torno in Italia mi fa strano dover aspettare che le cose asciughino, soprattutto d’inverno.
    Intanto sconsiglio la lavasciuga. Le asciugatrici sono più delicate della lavatrice e tendono ad incepparsi un po’ più spesso (a volte hanno solo bisogno di una pausa perchè surriscaldatesi, di una pulizia del filtro, o di svuotamento del serbatoio d’acqua se si asciugano accappatoi o grandi asciugamani). Meglio quindi avere due elettrodomestici separati di modo che tu possa comunque lavare quando l’asciugatrice ha bisogno di manutenzione.
    I capi vengono fuori morbidissimi e profumati se si usano gli appositi fogli per asciugatrice (ricordano quelli acchiappa colore). Fondamentale è anche piegare il bucato appena lo si estrae (altrimenti è preferibile lasciarlo dentro l’asciugatrice), noi il ferro non lo usiamo mai se non per le camice.
    Per i prezzi credo sia una cosa su cui cercare di risparmiare non ti fa risparmiare. Meglio spenderci 200euro in più e guadagnare in bolletta e longevità dell’apparecchio.

  22. Il Jonny Says:

    alè.
    alla faccia dell’ambiente e dei consumi.

    ma davvero questa comodità (superflua e dal guadagno di tempo opinabile) vale le responsabilità che comporta?!

  23. Sark Says:

    pure io sono del parere che sia una “comodità” molto dispendiosa in termini economici e ecologici. Al massimo potresti provare a piazzare nell’ambiente dove stendi i panni un deumidificatore oppure se già ce l’hai nel condizionatore a parete attivare solo il deumidificatore: la roba si asciuga + in fretta e non sa quell’odore da “acqua morta” e magari il deumidificatore può servirti anche per evitare la muffa in stanze umide…certo a venezia e pianura padana è un altro conto rispetto Roma :]

  24. ekidna Says:

    caro river due consigli:

    - i capi si restringono quindi ATTENTO
    - usa SEMPRE i FELTRINI PROFUMATI appositi per le asciugatrici, se non vuoi un odore terribile su tutti i capi , ci sono anche quelli che hanno un azione ammorbidente ^_- !

  25. Andreah Badu Says:

    River, ottima decisione! In Italia siamo sempre restii (forse perché le nostre nonne stendevano panni sui prati) alal “cultura” dell’elettrodomestico…addirittura molti ancora non hanno il lavastoviglie (salvo poi comprarsi l’ultimo modello dell’I-Phone).
    Anyway, consiglio acquisto su internet per abbattere un buon 30%, e di orientarti su AEG (caruccia, ma silenziosa ed economica nei consumi!). Astieniti, però, da qualsiasi modello di asciugatrice se non possiedi una lavatrice con una centrifuga potente!

    …e scommetto che la prima volta che la userai sui calzini di spugna creerai un post adhoc! ;)

    Fammi sapere!
    …ciao!

  26. Daniele Says:

    @ SARK

    ecco, vedi, hai detto una mezza baggianata, ma senza rendertene conto probabilmente.
    Un’asciugatrice a condensazione e POMPA DI CALORE, ha all’interno, ne più ne meno un deumidificatore, quindi il consumo è certamente minore, in quanto deve deumidificare un ambiente piccolo (l’interno del cestello) seppur molto umido.
    Nella tua ipotesi vuoi far evaporare l’acqua nell’ambiente per poi deumidificare l’ambiente stesso (ma nel frattempo hai inumidito anche i muri)con un deumidificatore ambientale.
    Un motivo a pro dell’asciugatrice, i panni belli morbidi, ha una spiegazione FISICA: le molecole di calcare, contenute dell’acqua, nell’asciugatura statica si aggregano, creando una pellicola “di pietra” sul tessuto (i classici panni “duri e rigidi”) nell’asciugatrice il movimento continuo impedisce il formarsi della pellicola di calcare!
    Questo porta anche un altro vantaggio, economico e per la salute. NON c’è più bisogno dell’ammorbidente, che oltre a costare, resta sui capi e si trasferisce sulla pelle… sempre roba chimica, meglio evitare, quando possibile!

    Riv, la BOSCH che hai visto mi sembra un ottimo prodotto :-)

  27. Daniele Says:

    @ ekidna

    occhio che l’odore terribile, è spesso generato da una proliferazione batterica sul condensatore, per mancanza di normale manutenzione e periodica disinfezione.
    Mai lasciare per pigrizia, l’acqua nel cassetto a fine asciugatura!
    Lasciare lo sportello aperto a fine asciugatura!
    Sono piccole regole ma molto utili.

    A volte il cattivo odore è anche sintomo di “cattivo lavaggio” quello che puzza, se puzza, sono i batteri e loro “cadaveri” e sottoprodotti rimasti nei tessuti.

    Un’asciugatrice in condizioni normali, caricata con panni puliti BENE, NON PUZZA E NON FA PUZZARE I CAPI!

    Quindi se hai questo problema, controlla il “processo” e eventualmente fai controllare la macchina da un tecnico capace, spiegando bene il problema.

    P.S. le vecchie ed economiche asciugatrici a “resistenze” qualche volta puzzavano di bruciato, perchè le resistenze, nel funzionamento, venivano portate quasi all’incandescenza e l’aria fatta passare attraverso di esse, qualche volta con l’aria venivano trasportate fibre tessili, che al contatto delle resistenze bruciavano… producendo cattivo odore, specialmente la lana.
    Nelle nuove a pompa di calore, le temperature sono molto più basse, non c’è questo rischio, e oltretutto le basse temperature sciupano meno i capi (anche se, a causa di questo, il ciclo di asciugatura può essere un po’ più lungo)

  28. vi0letta Says:

    uh ma questa te la invidierò a vita!!! Purtroppo so che rovina i vestiti e che consuma un botto…e so anche che non proprio il massimo per quanto riguarda l’etica. Ma, vivo con lo stendino viaggiante in casa da circa 2 settimane. Girella tra la sala e la camera, ad oggi non sono riuscita a richiuderlo. Ora, quando hai un lavoro, una casa da mandare avanti, una laurea da prendere e zero aiuti, l’etica va a farsi una passeggiatina..Anche io la voglio! Seguirò il tuo post per la scelta della migliore!!

  29. Bozz Says:

    ciao Riv…non posso aggiungere nulla a ciò che ha detto Daniele, ma visto che è il mio lavoro (che tralatro faccio per amore e non perchè non ho trovato di meglio) non posso che confermarti che la tecnologia migliore sia quella a pompa di calore. Io personalmente uso una Bosch in classe B a condensazione, non che mi arrivino bollette stratosferiche, ma impegna davvero tanta corrente e se la accendo durante il giorno è facile che mi faccia saltare “i tappi” se c’è qualcos’altro acceso. Quella in assoluto migliore, come qualità prezzo è sempre Bosch http://www.bosch-home.com/it/prodotti/lavatrici-asciugatrici-e-lavasciuga/asciugatrici/WTW86562IT.html?source=browse con un consumo davvero molto basso: solo 1,60 kw per kg 7g di cotone asciutto pronto da indossare. L’altra cosa interessante di questo modello, è che ha un sistema di autopulizia del condensatore…dunque manutenzione pressochè nulla, niente cattivi odori all’interno e niente proliferazione di batteri! Prova a dare un’occhiata qui: http://www.tel-web.it è il sito di vendita on-line del negozio per il quale lavoro;-) se ti servono altre informazioni contattami via mail, o telefona al nr che vedi sul sito e chiedi di parlare con il responsabile del reparto elettrodomestici;-) ciao!

  30. river Says:

    Ciao Bozz,
    le vostre offerte mi sembrano molto buone…ma siete a Padova… :p

  31. BOZZ Says:

    certo River, ma spediamo in tutta Italia a prezzi ragionevoli, prova a fare un’ordine senza registrarti…vedrai che c’è l’opzione di trasporto a domicilio col corriere. Mi sembra che un’asciugatrice nelle tue zone costi sui 40 €…

  32. Matte Says:

    Ciao River,
    personalmente a casa ho una asciugatrice a gas “Miele T478G”, fantastica! Consuma…nulla +o- 30€/anno con funzionamento giornaliero.
    Requisiti? Possibilità di collegarla ad un tubo gas (va bene quello della caldaia) e possibilità di scarico esterno dei fumi (come una caldaia). Considerati i consumi penso sia davvero la più ecologica. N.B. Non restrige i capi come le asciugatrici a gas.

    Ciao..bel blog!

  33. Sark Says:

    @ daniele:
    si intendevo l’uso del deumidificatore in caso non specifico: così può servire Anche per accelerare l’asciugatura “nature”(non prosciugare un intero ambiente allora si che sarebbe uno spreco ben maggiore). L’ammorbidente da me non si usa per tutte le lavatrici dipende da che capi si lavano…

  34. Black R. Says:

    Miele, Electrolux nei suoi vari marchi e Candy in famiglia è anni che viene usata l’asciugabiancheria e ti assicuro che la tecnologia oggi ha fatto passi da gigante. La vecchia storia della volpe e l’uva la conosciamo tutti e dire che asciugare il asciugabiancheria rovina i capi è una gran minghiata in quanto il sole li rovina molto di più.
    Se prendi la bosch fidati che poi ne rimarrai insoddisfatto se devi spendere 8-900 € prendi qualcosa di esteticamente meno bello ma funzionale e economico nei consumi.
    Daniele ha spiegato molto bene le tecnologie esistenti e garantisco che la pompadicalore è qualcosa di eccezionale ripetto alle “vecchie” tecnologie. Personalmente causa ho una Miele T8627WP quasi nuova fiammante che è costata una follia ma sticazzi niente a che vedere con le alre. (anche se da vedere fà veramente schifo…:-) ma è una bomba e consuma veramente poco.
    Ciao

  35. mEis Says:

    Io ho una Rex da tre anni, avevo preso all’epoca il modello che permetteva anche di asciugare le scarpe da tennis (con una sorta di cestello interno che non le fa sbattere da tutte le parti). E’ un altro mondo e se riesci a filtrare l’acqua di condensazione risparmi anche sull’acqua distillata per il ferro da stiro. Le calze da ginnastica sono indescrivibili, come gli asciugamani e le felpe… con le dovute attenzioni io ci infilo anche l’underwear e la lana e se riesci a coordinare l’asciugatura in modo da essere presente quando il ciclo finisce, piegando bene i capi riesci ad evitare di stirare un sacco di roba (le t-shirt per la palestra, per esempio); l’importante è piegare quando i capi sono ancora caldi.

    Ho letto che qualcuno ha trovato i feltrini deodoranti: dove diavolo siete riusciti a trovarli? Qualche marca?

Leave a Reply