Le sue foto a torso nudo – correva l’anno 2008, e lui era stato appena eletto – avevano fatto il giro del mondo. Un presidente, democratico e pure senza peli, pardon, con un bel petto. Ora, però, gli scatti sexy di Barack Obama saranno solo un ricorso. Il presidente, infatti, s’è fatto serio, e il suo staff è stato durissimo con i giornalisti e fotografi al suo seguito, in questi giorni, alle Hawaii. “Non sono ammessi teleobiettivi e non si potranno ‘rubare scatti'”, è stato detto alla stampa al seguito di Obama e della moglie.

Gira voce che il democraticissimo presidente sia un grandissimo censore dei media sgraditi. Attendiamo la controprova paparazzata del petto-dopo-due-anni-di-casa-Bianca.

3 Responses to “Obama, stop alle foto a torso nudo.”

  1. jo&jo Says:

    Quanto è bono Barack… Mi piace da matti, fisicamente intendo: per il resto sono convinto che lui, come tutti gli altri premier del mondo, sia un attore, e che il vero governo lo facciano i banchieri e speculatori internazionali, prendendo decisioni nell’ombra e influenzando il mondo attraverso i media da loro controllati… quindi non ho niente da dire sul suo mandato tranne che lo considero fasullo, infatti l’hanno subito insignito di un Nobel ad honorem, giusto per dargli un po’ di credibilità un tanto al kilo.
    Però in quanto a gusti estetici io non faccio testo, perché ho sempre avuto una predilezione per gli uomini con lineamenti un po’ “scimmieschi”.

  2. edelP Says:

    @ jo&jo Concordo in pieno con l’analisi politica. Quello che mi preoccupa di più è che, a quanto pare, la cina ha rastrellato i buoni del tesoro di mezzo pianeta ed ora lo tiene per i gioielli di famiglia…

    Più faceta la mia ipotesi circa il divieto di foto a torso nudo del Presidente Dimezzato: dopo una serie infinita di brindisi con un noto ma non amato premier occidentale si è svegliato con tatuato a pieno petto, e in verde, “RUBY FOREVER” così deve correre ai ripari.

  3. rocambolesque Says:

    sexy Obama!… definirlo “scimmiesco”, poi, mi sembra davvero fuori luogo

Leave a Reply