Io ormai sono stregato dai lip dub universitari. Al di là del lavoro dietro le quinte, infatti, resto a bocca aperta di fronte all’aria spensierata che comunicano questi video. Il lip dub sopra arriva dalla Svezia: vi hanno preso parte 50 studenti, di 13 nazionalità diverse. Tutti studenti del programma Erasmus. Quattro ore di riprese.

Ah, sì, scelgo quello a 2:00, che ha pure il bonus guance rosse.

22 Responses to “Il lip dub degli Erasmus, in Svezia.”

  1. carlo Says:

    ….solo le guance rosse?….ma va lààà….

    comunque davvero bravi e simpatici tutti

  2. river Says:

    Tu l’Erasmus lo fai a Lampedusa, al massimo.

  3. zorro2 Says:

    Carino il 2 ma anche il secondo 49…ciao

  4. river Says:

    Certo, 2 volte. Andata. E fine.

  5. EmLeo Says:

    Io ero in Erasmus 10 anni fa. C’era internet, ovvio; youtube se ne parlava appena o forse no, i flash mobs e i lip dubs non li concepivamo neanche, così come non riuscivamo a immaginare Skype, msn e compagnia. Google era ancora un concorrente di yahoo, la tecnologia più avanzata erano i telefonini nokia bluo o grigi che pesavano 6 etti.
    Si organizzavano feste nelle stanze della città universitaria; non si invitavano che gli amici ristretti, tanto si sapeva che poi sarebbero passati di lì tutti, anche quelli dagli altri padiglioni…facendoli entrare lanciando i badge dalle finestre.
    E ci sentivamo straordinari, si creava un’identità sovranazionale ché una volta rientrati, se si incontrava qualcuno che avesse partecipato al prog Erasmus, si aveva la stessa sensazione di quando si incontra a 6000 km di distanza uno che viene dal tuo stesso paese, prendi a caso proprio uno di Lampedusa con uno di Aosta, con cui sembra di capirsi senza aprire bocca.
    Poi è arrivato il momento della Spagna e quando di lì ritornavano gli italiani dopo 3 mesi (il periodo più breve) sembravano dei miracolati presuntuosi che ci smerdavano perché eravano stati nelle banali Francia-Inghilterra-Germania-Danimarca-e-tutta-la-Scandinavia.

    Fatto sta che ti cambia la vita…come potrebbe fare la cena ora sul fuoco con la mia serata se non vado a spegnerlo.

  6. luk Says:

    sì, ma questi manco cantano!! river, cmq l’erasmus una volta nella vita va fatto! ma che studia ASB?

  7. Psquared Says:

    Pensavo anche io a una cosa del genere fatta alla Sapienza…. spero non venga mai in mente a nessuno di farlo, così evitiamo brutte figure internazionali

  8. simonchio Says:

    io amo la tipa intorno al minuto 1 che apre la porta e canta ma non sa le parole!!!
    PORACCE DI TUTTO IL MONDO: UNITEVI E FATECE RIDE!!!!
    Aahahahahahahahahahahah

    Ultraviolet, ma che stai a di’? Basta baci perugina!

  9. Shamsnadir Says:

    Riguardo al video c’e’ poco da fare, il piu’ bello e ben fatto rimane quello dei canadesi sulle note di “I got a feeling”.
    Io sceglierei invece quello che fa la capriola al 1:05 e poi rispunta da qualche parte e pure quello con il maglioncino bianco con il collo a V che sta un po’ ovunque.
    Riguardo l’erasmus, beh, e’ stato uno dei migliori momenti della mia vita, 7 anni fa in una magica Bruxelles! Un cambio di vita in tutti i sensi!! L’Erasmus (o un periodo di studio all’estero) dovrebbe essere obbligatorio!

  10. Luca Says:

    Io l’Erasmus non l’ho fatto, ma vedendo con gli anni le esperienze a me intorno lo consiglio vivamente.

    Al massimo, quello che mi sento di dire è di scegliere una destinazione pensando 50% al bel posto e al divertimento ma 50% anche ad un’università che un minimo ti può formare e che sia buona nel proprio campo per darti quel qualcosa in più.

  11. Fausto Says:

    Perché, il barbino con la maglia bianca a 0,33 lo vogliamo buttare via?

  12. Michele Says:

    Erasmus in Grecia. 9 mesi. intensi. bei momenti. ho fatto anche sesso con una donna. anzi due (SIC!)

  13. river Says:

    Noooooooooooooooooooooooooooo, con due donne ?!

  14. Ultraviolet Says:

    ..Non volevo essere da baci perugina.. ma penso che limitare la persona che si ama sia un male. Ma anche per noi stessi, io non vorrei sopportare il peso di aver negato qualcosa a qualcuno!Non sia mai poi i sensi di colpa te li sottolineano gli altri!Grrrr… e poi Barcellona è vicina:)..

  15. Jackmashup Says:

    Ma… Mr.Maglioncinobianco?

  16. Michele Says:

    @riv: piccolo e confuso sotto quell’aspetto :) poi ho capito :)

  17. Casualboy Says:

    peccato che quello a 0:48 si veda una sola volta ;_;

  18. fubrifebra78 Says:

    grandissima nostalgia, grandissimi rimpianti… spero loro godano ogni secondo di questo periodo della loro vita, perchè non tornerà mai più, mai più…

  19. aleh Says:

    non so, non ho mai amato l’università e non mi sono mai divertito facendola.

  20. KID A Says:

    voto anch’io 0:48 che rockeggia sdraiato

  21. doctorising Says:

    Erasmus in Italia, 11 mesi. Mi ha portato l’amore, e anche river-blog :P quindi, se siete ancora in tempo… fatelo assolutamente!!!

  22. isotta Says:

    erasmus 7 anni fa, anzi… sono già 8!!! ho fatto l’amore per la prima volta nella mia vita… avevo proprio bisogno di andar via da casa per sbloccarmi! e poi ho visto come un’università possa davvero funzionare e come si possono creare amicizie con persone che vengono dall’altra parte del mondo (magari più che con gli italiani!) e come queste possano durare…

Leave a Reply