Leccami l’occhio.

February 21st, 2011

Leccami l'occhio.

Donare lo sperma è divertente!

February 21st, 2011


Ecco, questa è l’homepage di un centro privato per donatori di sperma australiani. Per trovare nuovi iscritti, puntano sul “divertimento”, da qui lo slogan: “Donazione di sperma: più divertente che donare il sangue”.

Divertente, spararsi una sega in uno stanzino asettico? NO!

P.s. Si viene pagati 300 dollari a donazione.

Sotto, come si affrontano i passeggeri senza biglietti.

Read the rest of this entry »

Sono le 00.40 spaccate, e questo è il tweet col quale ho anticipato i tre primi classificati di Sanremo.

Piccola confessione: era da venti minuti che quei nomi giacevano nel mio cellulare. Ma, ahimè, ero ad una festa di giovani universitari. E, quindi, mi son perso venti minuti di scoop.

Grazie alla vocina amica ;-)

P.s. Niente servizi segreti, niente furti di documenti secretati: i vincitori erano tecnicamente noti da mezzanotte.

Biscotti alla finestra.

February 18th, 2011

Tre ragazze di San Francisco si sono inventate un simpatico mezzo per mettere da parte qualche dollaro. Appesa dalla loro finestra, una molletta, che è l’anima del loro “Fat cookies”, business casalingo: tirando la corda, per avvisare le cuoche, e attaccandoci un dollaro, si riceve un biscotto fatto in casa. L’idea è ispirata ad una serie televisiva della Hbo, in cui il metodo serviva per spacciare la droga. Qua la loro pagina Facebook.

Read the rest of this entry »

La news-sfera ufficiale se n’è accorta, 3 giorni dopo river-blog. Youtube ha bloccato l’account di Alfonso Luigi Marra.

Meglio tardi che mai (informazione free batte l’informazione paludata 1 a 0).

P.s. Quanno ce vo’, ce vo’.

Cow-surfing.

February 18th, 2011

Con la telecamera sul sedere.

February 17th, 2011

Che succede al sedere delle ragazze quando queste camminano per strada? Per cercare di dare una risposta al quesito, una ragazza si è montata una telecamera sul proprio lato B e se n’è andata a spasso per le strade di Los Angeles (sospiro). Il risultato è questo video esilarante. Tra ragazzi – con fidanzata al fianco – che lanciano sguardi furtivi, ragazze cicciottelle che restano a bocca spalacanta, e maschi palesemente in calore. Ma davvero ha tutto questo potere il culo (delle donne)?

L’evoluzione mediatica del famoso “Dio c’è”, graffitato sui muri delle città, è questa campagna promozionale (per dio?) che adesso sbarca a Milano, dove aver girato, per un anno, per varie città d’Italia. La firmano le chiese evangeliche (grazie Nadir!).

M’ha messo un po’ di ansia. Fa molto 1984.

Ecco, Masi fa il figo con Aldo Grasso (che lo aveva giustamente spernacchiato per la sua telefonata porta-sfiga all’Isola dei Famosi), e dice di leggere Dostoevski, salvo poi scivolare su un errore da quinta elementare: “un pò”.

Magari si dirà che è stato trascritto male, ma ne dubito. (grazie a Simone per lo spunto!)

Pomeriggio da etero.

February 17th, 2011

Roba da etero.

Francisco Lachowski, tic di un modello.

Francisco Lachowski fa parte, a pieno titolo, di quell’ondata di nuovi male-star-models, volti in forte ascesa, sempre più richiesti dagli stilisti. Il personaggio incuriosisce, ed è difficile trovare una foto in cui non buchi l’obiettivo, con la sua naturale e spontanea bellezza. Dna brasiliano, classe 1992, è stato intervistato dai ragazzi di Swide. Incuriosito, ho cercato delle informazioni sul giovane. Non istituzionali, niente di wikipediano, ma gossip spicciolo. Un grazie alle fonti, che hanno condiviso con me queste info essenziali, dietro garanzia di anonimato.

Francisco Lachowski, tic di un modello.

Intanto diciamo una cosa: Francisco tiene molto alla sua carriera, anche se ha un approccio solo apparentemente “distaccato”. Ci tiene moltissimo a mostrare il suo lato migliore, e i webmaster di siti che lo intervistano hanno dovuto gestire più di una sua telefonata, in cui chiede di rimuovere scatti giudicati non “perfetti”. Dà l’impressione di essere un po’ sbruffone, ma diciamo che è sicuro di se e molto determinato ad affermarsi in questo campo. C’è chi dice che la spavalderia nasconda una forte dose di timidezza, comprensibile dati i suoi 18 anni. Se non si è alti abbastanza, fa una certa impressione stargli vicino: il ragazzo è alto 1.92. I piedi, per chi è interessato al genere (io), sono commisurati all’altezza: giganti. Anzi, “gigantissimi”, dice chi lo ha visto più volte scalzo. A differenza di molti suoi colleghi modelli non ha problemi a mettersi a nudo nel backstage: ovviamente mi riferisco alle foto shirtless. Un difetto – ma dipende dai punti di vista – potrebbero essere i nei sul corpo: prima di un servizio fotografico, vengono tutti coperti dal trucco.

E ora alla domandona: “com’è messo?” (Dove? là, là). La risposta di chi lo ha visto più di una volta da vicino, in slip, è inequivocabile: “E’ messo molto bene, e penso che sia tutto commisurato al metro e novantadue di altezza”. Residenza: indefinita. Non sa bene neanche lui quale sia la sua “casa”. Al di fuori delle sfilate, lega molto bene coi brasiliani, anche se ha un amico speciale: il top model Simon Nessman. C’è chi li ha visti spesso cazzeggiare insieme, e interpretare due ruoli abbastanza predefiniti: Francisco lo tratta male e si diverte a fargli ogni genere di scherzo (uno degli ultimi: sbattergli sotto al naso le sue scarpe da ginnastica puzzolenti – anche i piedi dei modelli puzzano). Quindi: il bullo Francisco sottomette Simon. Per la gioia dei presenti. Molto aperto e tollerante e… Fine del taglia e cuci.

Qua l’intervista che ha concesso alla redazione di Swide.

Read the rest of this entry »

Il poliziotto ubriaco, in Russia.

February 16th, 2011

Gli va dato atto che un posticino di blocco sta cercando di improvvisarlo.