Il blogger “Kawaii Manila” ha pubblicato una serie di scatti che si riferiscono ad un esame medico cui si devono sottoporre i soldati filippini. Sembrano foto di routine, salvo una, in cui si vede un soldato in posizione ginecologica. Cosa devono esplorare?

Postilla: rientro tra quanti hanno dovuto fare i fatidici tre giorni. Ricordo le seghe che mi feci pensando al ruolo del medico esaminatore di peni. Ricordo anche che quella mattina  non riuscii a fare pipì nel vasetto a comando, e così me la feci passare da un ragazzo, un tizio dei centri sociali – carnagione scura, codino, bei denti – che avevo conosciuto là. Molto fetish.

No tags for this post.

29 Responses to “L’esame medico dei soldati filippini.”

  1. edelP Says:

    Considerato il clima e le condizioni igieniche del posto è probabile stia verificando che il soggetto non abbia i vermi. Perlomeno si spera.

  2. drew Says:

    e’ la posizione classica per l’esame dell’ampolla rettale che prevede l’uso di una specie di speculum che si gonfia all’improvviso (sorpresa sorpresa). Di solito prima si richiede al paziente un clisma, altrimenti sai il divertimento…

  3. river Says:

    Esame finalizzato a… ?

  4. Max.VI Says:

    Sono un pervertito, lo so, ma queste foto sono esattamente identiche alle scene di un classico di Cadinot! “Service Actif”! (e anche il sequel, “Service Actif 2”)… persino i colori un po’ vintage!

    :)

  5. anonimo83 Says:

    forse aveva dei dubbi sulal sessualita’ del tizio e sta vedendo se ha l ano lacerato :D

  6. Pierre Says:

    Anche per me i Tre giorni sono stati uguali: una mezz’ora per rilasciare tre gocce di urina, e tanta fantasticazione sui militari presenti…

  7. Linus Says:

    Ricordo i miei tre giorni: la pipì nel vasetto davanti al via vai degli altri ragazzi, il medico che esamina i testicoli e mi chiede di “scappellare” il pene, sguardi e sbirciate con la timidezza tipica di quegli anni…

  8. DG_VICTIMS Says:

    Io ho rimosso quel giorno!

  9. Devil_P Says:

    Mah… anch’io all’inizio immaginavo scene da film porno ma poi alla fine non è stato così! Tutto si è svolto in 2 giorni! Il test urine l’ho fatto 2 volte(valori sballati), dal cardiologo son stato dentro una buona mezz’ora… (piccolo soffietto al cuore), dall’oculista mi son presentato con LENTI A CONTATTO… immaginate… il test delle 500 domande… mi hanno mandato dallo psichiatra, ricordo ancora la domanda “mi piacciono i fiori ma non vorrei mai fare il fioraio”… La famosa palpata… si è svolta in una stanza da solo molto velocemente per fortuna… XD

  10. piero Says:

    la domanda mi piacciono i fiori ma non vorrei mai fare li fioraio ….. me la ricordo anche io ….. STUPENDA

  11. drew Says:

    @river il motivo piu’ comune per qui si fa quell’esame è la verifica della presenza di emorroidi.

  12. drew Says:

    qui = cui :-) *blush*

  13. O. Says:

    ti sei fatto passare la pipì di un tizio di un centro sociale?? coraggio o sbadataggine? ;)

  14. Brightside Says:

    Usarela pipì altrui per gli esami? Più che fetish fa molto Maradona!

  15. anonimo83 Says:

    ma la domanda del fiore fioraio… a ke serviva?
    è vero che con le visite potevano capire che eri gay?

  16. Kira Says:

    Ma molto più semplicemente non è che si tratta di una modalità diversa per dare la solita controllatina alla prostata??

  17. rafael Says:

    Ma Devil, palpata in che senso? l’esame dei testicoli?

    O ti han messo in una stanza con un fico per vedere se, palpandoti, succedeva quel che succedeva? :D

    Per fortuna non ho dovuto fare niente di tutto ciò!

  18. Devil_P Says:

    @anonimo83 Il Minnesota Multiphasic Personality Inventory lo puoi trovare googlando… Nessuno mai mi ha chiesto i miei gusti sessuali, neanche lo psichiatra! Di certo se alla visita di leva si presenta Solange… si capisce eccome! ;-)

    @rafael Prima ci hanno divisi in gruppi, ogni gruppo entrava in una specie di anticamera dove si rimaneva in mutande e si aspettava il proprio turno, ricordo ancora il cartello “SI PREGA DI NON SVENTOLARE LA BIANCHERIA IN FACCIA AL MEDICO”! Una volta dentro (si entrava da soli) il medico controllava la colonna vertebrale, se avevi i piedi piatti ecc… poi si infilava i guanti (tipo quelli del supermercato) e tastava 2 secondi i testicoli (nel mio caso). l’unica cosa che pensavo in quel momento è stata “TI PREGO STAI A CUCCIA, TI PREGO STAI A CUCCIA” Fortuna che il mio pistolo mi ha ascoltato! XD

    E non ho raccontato quando misuravano la pressione… delle infermiere vecchiotte che urlavano a tutti i ragazzi (ci si doveva stendere su di un lettino a torso nudo e nessuno riusciva a rilassarsi). Quando è arrivato il mio turno, mi sono steso, ho chiuso gli occhi… inspiravo e respiravo… quando li ho riaperti, tutti mi guardavano stupiti, sono stato l’unico che è riuscito a rilassarsi!

    La visita l’ho fatta a maggio del 2004 e son risultato idoneo!

  19. Devil_P Says:

    Opps scusate… non era pressione ma elettrocardiogramma! ;-)

  20. francesco Says:

    a me la visia miloiare mi ha rovinarto la vita sessuale.sino alla visita mi sono trattenuto da fare sesso anale perche avevo paura che dalla visita si vedesse che ero gay . E poi psicologicamente quella paura e quel comportamento me lo sono portato dentro ! odio la vita militare

  21. anonimo83 Says:

    @ Devil P ahahahahahahah mitico!!! :o))))

  22. O. Says:

    @anonimo83. I test psicologici non servono a capire se sei gay, servono a capire se soffri di egodistonia. I gay che non vogliono fare il militare (ma anche i non gay…) dichiarano di soffrire di omosessualità egodistonica, un disturbo gravemente invalidante. That’s why in questo caso non ti fanno fare il militare. I gay egosintonici, ancorché simili a Solange, ma che quindi non hanno patologie psicologiche, fanno il militare come tutti :)

  23. Emanuela Says:

    E il tipo col riflettore dietro?

  24. subzero Says:

    Controllano se sono circoincisi

  25. Leonard74 Says:

    Io ho fatto la visita quasi trent’anni fa: tutti completamente nudi e con l’assoluto divieto di coprirsi i genitali anche se era presente pure una dottoressa e qualche impiegata… se poi avevi un’erezione ti mettevano in castigo in un angolo faccia al muro finche’ non ti passava, giustamente lo facevano per non scandalizzare le donne presenti. La visita alle parti basse si faceva davanti a tutti perchè la tenda c’era ma non veniva usata. Il dito nell’ano ce lo mettevano eccome e guai a protestare: al primo che si era lamentato gliene infilarono due e così nessuno disse più niente, a parte qulche urlo di comprensibile dolore! Insomma era roba forte per soli uomini, che dovrebbe tornare obbligatoria, ovviamente solo per i maschietti.

  26. Rob81 Says:

    A me tutto sommato è andata bene se penzo a come sono stati trattati gli altri. Il primo giorno quando dovevano farci i raggi x ci hanno lasciato tenere le magliette anche se ci avevano gia fatto togliere tutto dalla vita in giu. Prima di fare i raggi pero’ dovevamo tenere le nostre magliette sollevate perche volevano vederci comunque col petto scoperto. Forse era imbarazante anche per un maschio stare nudo in quelle condizioni pero’ almeno ci permettevano di coprirci i piselli con le mani e non ci hanno messo nessun dito dentro l’ano ma abbiamo dovuto solo piegarci per farlo controllare con una luce. Ci hanno trattato bene forse perchè il personale era quasi tutto al femminile e si sa che le donne sono piu’ gentili e sono meravigliose.

  27. Frenz Says:

    Leonard, sei lo stesso lobotomizzato che continua a copincollare gli stessi commenti su tutte le sezioni commenti a giornali o siti ogniqualvolta essi parlino di leva militare
    re. Che poi sei un bugiardo lo si vede anche dalla tua data di nascita (1974) e dall’affermazione di aver fatto la visita medice trent’anni fa (1985 o poco prima… visita medica a undici anni?)
    Se le donne non si volevano scandalizzare, dovevano astenersi dal manifestarsi alla presenza di uomini nudi. Figurarsi la possibilità di costringere delle donne nude a stare in una stanza alla presenza di uomini! Oddio! Ma il tuo racconto è inventato di sana pianta.

  28. fabius Says:

    belle le visite militari cosi’ tutti nudi, io sono orgogliosamente gay e farmi ispezionare il culo cosi’ da bei dottori mi sembra il minimo

  29. Oktoberfest Says:

    Ahahahahaha, divertente, alla faccia della privacy! Questo è il modo giusto di trattare i maschi. L’Italia dovrebbe prendere esempio dalle Filippine!

Leave a Reply