Bikkembers, la campagna primavera/estate 2011.

Lo stilista belga Dirk Bikkembergs, con questa campagna Spring/summer 2011, continua a servirsi della solita posa/schema: calciatori e modelli, in formazione militaresca, sospesi sull’acqua. Sarebbe ora, forse, di ragionare su qualcosa di nuovo.

La carne (poca) potrebbe compensare, in parte, la scarsa inventiva e gli (inutili) smanettamenti photoshoppari.

Bikkembers, la campagna primavera/estate 2011.Bikkembers, la campagna primavera/estate 2011.Bikkembers, la campagna primavera/estate 2011.Bikkembers, la campagna primavera/estate 2011.Bikkembers, la campagna primavera/estate 2011.

Tags:

10 Responses to “Bikkembers, la campagna primavera/estate 2011.”

  1. Teo Says:

    Pessimo

  2. Trivial Says:

    River volevo segnalarti questa foto, intravedo un sesto dito :-)

    http://attheloft.typepad.com/.a/6a00e54ecca8b98833014e86312cf1970d-pi

  3. razzo Says:

    davvero scialba

  4. G Says:

    uno di quelli era a scuola con mio cugino. non proprio pessimo :p

  5. edelP Says:

    1) Questo Di-r-ck sta diventando più noioso di Benetton con i suoi giovincelli multicoloured su fondo bianco.
    2) Gli abiti strappati e stopicciati hanno rotto, gli stilisti la smettano con la bella vita tutta barche e modelli disponibili e si ingegnino a trovare bei capi d’abbigliamento innovativi.

  6. MARTO Says:

    …..scusate, sarebbe possibile naufragare con loro?

  7. DG_VICTIMS Says:

    Terribilmente noiosa, vista rivista, un trito di carne macinata oramai andata a male. Povero Dirk, ma cambiare un po’ la pubblicità forse gli darebbe un po’ più di visibilità viste le scarse vendite che oramai fattura! Collezioni immettibili se non sei palestrato, anzi pompato con l’aria compressa. Direi che è già sul bel viale del tramonto.

  8. ScarletMilk Says:

    beh a parte che più che la pubblicità dei vestiti sembra la pubblicità di photoshop…. ma cazzo ma un’idea no? UNA!

  9. giuliano Says:

    un po’ sbaglio tunisino-libico.

  10. carlo Says:

    …lasciate pure la carne, vi lascio la verdura….

Leave a Reply