Scivolone telematico per il segretario cittadino del Pd di San Miniato, Massimo Baldacci. Commentando la pubblicazione della “lista outing” e, in particolare, l’inserimento di Maurizio Gasparri, aveva scritto uno status (sopra) in cui definiva l’omosessualità un difetto. Dopo le critiche ricevute, anche sul suo profilo, Baldacci, che di professione è insegnante, si è corretto, con un altro status. In cui, però, commette l’errore di paragonare l’omosessualità a qualcosa di criticabile (sotto).

Insomma. Sarà pure stata una leggerezza, ma sinceramente certi commenti non me li aspetto da chi ha un ruolo di responsabilità nel Pd (men che meno da un insegnante). E bene ha fatto l’Arcigay, oggi, a sollecitare, all’interno del Pd, un dibattito aperto e onesto sul tema dell’omosessualità e dei diritti dei gay.

No tags for this post.

10 Responses to ““L’omosessualità è un difetto”. Scivolone del segretario locale del Pd.”

  1. Luca Says:

    ogni tanto i veri pensieri riescono a sfuggire al controllo del politically correct…

  2. nonnonauta Says:

    Commenterei citando Battiato, non con la sua frase riportata oggi su tutti i giornali, ma con il titolo di una sua canzone:

    “Povera Patria”…

  3. Sakura Guy Says:

    Per fortuna, nell’era di Internet, i politici saranno sempre più costretti a pensare cento volte quello che devono dire. Chi non lo farà… sarà giudicato.

  4. O. Says:

    Baldacci, che di professione è IGNORANTE.
    Che schifo, e i nostri giovani devono imparare da uno così?? ma per carità…

  5. pisese Says:

    Conosco personalmente Baldacci per essere stato suo allievo, e non è affatto omofobo; anzi, anche nell’insegnamento ha sempre dimostrato le sue convinzioni per l’eguaglianza di diritti per tutti. Lo scivolone sarà stato soltanto un lapsus calami, o forse una trovata di umorismo grossolano, ma sicuramente senza cattiveria o pregiudizi. Semmai, questo fare censorio nei confronti delle parole (leggere e sbagliate, senza dubbio) di una persona, e poi esporla al pubblico ludibrio, pretendendo un autodafé, non è un pochino inquisitoriale? Alla fine dei conti, ha soltanto fatto una cazzatina!

  6. river Says:

    Pisese, non me ne frega niente se secondo te non è omofobo: è un leader di partito e ci deve pensare 100 volte alle cazzate OMOFOBE che scrive in pubblico. In un altro Paese si sarebbe già dovuto dimettere.

  7. Luca Says:

    pisese, un lapsus spesso tradisce il punto di vista reale di una persona. Secondo me parlare di “difetti” riferito all’essere gay, per ben DUE volte (la seconda cercando di correggere la prima, figuriamoci), qualcosa dice…

  8. Leo Says:

    River scusa, io questo tizio non lo conosco ma (purtroppo) conosco quel partito (da quando si chiamava in un altro modo, dato che cambia nome ogni due o tre anni…) e ti assicuro che un “segretario di circolo” non conta un cazzo: chiamarlo “leader di partito” è un po’ esagerato…

  9. river Says:

    A livello locale conta.

  10. Kafka25 Says:

    E’ vero che come dice Nanni Moretti le parole sono importanti, ma si è anche scusato… e quelli che hai eletto si sono scusati con te per aver parlato tanto di pacs e per non averli mai approvati river? :)

Leave a Reply