Una specie di gara a chi cucina prima (e meglio) serpenti e pesci (vivi fino a un secondo prima di finire sul tagliere).

Il pesce che respira sul piatto è veramente troppo eh. Ma che senso ha?

No tags for this post.

21 Responses to “Come cucinare serpenti e pesci e portarli vivi (o quasi) sul piatto.”

  1. Emanuela Says:

    Oh mio Dio! Posso capire tagliare la testa al serpente, che in una botta sola passa a “miglior vita” (noi lo facciamo con le oche), ma squamare il pesce e tagliuzzarlo così senza farlo morire e cucinarlo è veramente orribile (per questo non ho mai mangiato l’aragosta).

  2. Misterioso Says:

    senza parole

  3. Gigio Says:

    Prendi un giappocinese tagliagli le braccia e poi mettilo nell’olio bollente…
    Quando il gusto del cibo va oltre

  4. Claudio Says:

    Li farei mangiare a chi li ha cucinati con l’augurio che possa andar loro tutto di traverso… morissero soffocati!… che pena…

  5. Alessio Says:

    Beh, qual è la differenza tra mangiarli morti o vivi? Tanto sempre la stessa fine fanno … non comprendo come mai ci si scandalizzi tanto!

  6. edelP Says:

    Un tempo i cinesi venivano definiti il “Pericolo Giallo” se questo è il loro rispetto per la vita (lo dico da carnivoro) ci credo eccome.

  7. rufree Says:

    disgustoso e crudele

  8. simonchio Says:

    beh, i video consigliati quando questo finisce sono un po’ peggio -_-

  9. Davide Says:

    Solo perchè animali come i pesci sono muti e non urlano il loro dolore non vuol dire, ovviamente, che non provino un dolore atroce e disumano! SONO SOLO BESTIE! MI FA SCHIFO QUESTA UMANITA’!

  10. Alessio Says:

    Credo che se molti vedessero in che modo vengono macellati gli animali che mangiano ogni giorno, non si scandalizzerebbero più di tanto per questo filmato …

  11. Parzival Says:

    Avete mai visto sgozzare gli abbacchi ed i capretti di Pasqua? Vi siete mai fermati in un autogrill a fianco di un tir stracarico di vitelli o di maiali vivi che vanno a morire dopo aver fatto migliaia di chilometri atroci? Avete mai visto un allevamento di polli in batteria? O uno di quelli “a terra” tanto decantati? Avete mai sentito come gridano i bovini quando entrano nel mattatoio e fiutano la loro morte? Io sì, anche troppe volte. Per questo sono diventato vegetariano.

  12. Chiara Says:

    IO vedo tutti i giorni come vengono macellati gli animali caro Alessio:prima vengono storditi.
    Qui è puro gusto dell’orrido e della mera crudeltà. Quel pesce stava ancora soffrendo quando è stato messo sul piatto. Mi fanno schifo. Sono delle persone che si meriterebbero altrettanto. Non dico che si meriterebbero di peggio perchè il peggio non esiste.

  13. Mr.I Says:

    Ecco perché sono vegetariano..

  14. salvatore Says:

    continuo a pensare che alcune popolazioni sono proprio animalesche…

  15. Vsevolod Fish Says:

    il serpente è bello che morto, sono spasmi nervosi, ma il pesce ‘sticazzi, è ancora bello che vivo.
    Mi ricorda il trattamento che fanno al pesce palla in Giappone, terrificante.

  16. chopin Says:

    Sono i residui animaleschi che ancora esistono nell’uomo che ci portano a questi comportamenti. La mattina leggo un libro e mi meraviglio di quanti progressi abbiamo fatto scendendo dagli alberi, poi vedo questo tipo di video e capisco che qualcuno non è mai sceso. Nessun animale che io conosca gioca con il cibo.

  17. alkaline Says:

    Non voglio generalizzare parlando male solo dei cinesi, perché sotto casa ho una pellicceria e non sapete quante persone nel 2011 e migliaia di modi di riscaldarsi ancora preferiscono la pelle scuoiata di animali.

  18. Matteo Says:

    Che poi è pure pericoloso. (Ho da poco rinnovato la mia tessera sanitaria per manipolare gli alimenti.) :)

  19. RAZZO Says:

    e Dio creo’ le bestie e le assoggettò all’uomo… ma qui siamo troppo in là

  20. Leo Says:

    Il cosiddetto progresso è soltanto relativo ad aspetti come il tenore di vita, il vivere materialmente meglio, non ha nulla a che vedere con l’ ‘umanità’ dell’uomo; da questo punto di vista, anzi, mi convinco sempre di più che l’uomo moderno ha fatto colossali passi all’indietro. Il nostro rapporto con gli animali era senz’altro più sano cento anni fa, ma soprattutto il nostro rapporto con noi stessi: non sono mai morte di morte violenta tante persone in tutta la storia dell’umanità come nel secolo scorso, e mi fermo qui…

  21. luca_co Says:

    Io ho visto i primi 10 secondi e ho dovuto interrompere: mi si stava rivoltando lo stomaco

Leave a Reply