Un gruppo di 12 giovanissimi si cimenta in questa strana forma di Parkour: usando l’asta ammortizzata Pogo. Uno spettacolo.

Buongiorno blog. So che vorresti leggere altro, ma per adesso non mi va.

 photo tumblr_n5xu833EQZ1qdhlk3o7_1280.jpg

Anche quest’anno si è celebrata l’arrampicata super-omoerotica dell’Herndon Monument dei cadetti dell’accademia navale: tutti rigorosamente a torso nudo, piedi scalzi e anche sudaticci.

Read the rest of this entry »

Il “Beagle Freedom Project” è un movimento impegnato nella liberazione dei cani dai test nei laboratori. La scorsa settimana sono riusciti a salvare 9 beagles da un centro nel Nevada. Quei cani erano nati e vissuti nelle gabbie e non avevano mai visto il sole o toccato terra. Tremavano e avevano persino paura del contatto fisico con l’uomo. I volontari dell’associazione li hanno liberati in un prato.

La loro reazione è raccontato in questo video.

 photo enhanced-17957-1400023343-2.jpg

Moses Storm voleva festeggiare il suo compleanno, lo scorso 6 maggio, in maniera originale: con una festa “esclusiva” in un fast food all’interno dell’aeroporto di Los Angeles. Ma non nella zona esterna, bensì quella oltre i controlli di sicurezza. Area super-blindata, quindi (“cosa c’è di più esclusivo?”, faceva notare). Condizione indispensabile per partecipare, l’aver acquistato un qualsiasi biglietto aereo. Moses ha così creato una pagina Facebook, inviando inviti a tutti i suoi amici: in tutto, 167 persone hanno detto che avrebbero partecipato. Il giorno del compleanno Moses è emozionato come un bambino. Va nel fast-food, dopo essersi cambiato in bagno e occupa un tavolo grande (da almeno 15 posti), e aspetta. Aspetta così tanto che dopo un po’ la cameriera gli fa notare che non può occupare da solo un tavolo così grande. E lo “declassa”. Ma Moses non si dà per vinto. “Cavoli, perché 167 persone hanno detto che sarebbero venute alla mia festa?”. Ma non c’è niente da fare. Al ristorante Chilli non si fa vedere nessuno.

Colpo di scena finale. Il personale del fast-food decide di offrirgli una torta. Moses raccoglie gli auguri delle persone che ha incrociato quel giorno speciale, persone reali. E lui è felice di aver ricevuto quegli auguri così paradossalmente sinceri.

La corsa all’abbraccio di Morrissey rappresenta un po’ un rito di tutti i suoi concerti. A lui la cosa non dispiace, a patto che non si esageri, come è successo a San Jose, dove ha debuttato con il tour in Nord America, per il lancio del suo album “World peace Is None of your business“, in uscita a luglio. Morrissey e la band hanno dovuto abbandonare il palco, causa crisi ormonale del pubblico.

 photo 20140506-021240.jpg

Blond Morticia.

May 8th, 2014

 photo 158188-b9a42d00-d4b0-11e3-a788-f9855f7e436a.jpg

(Donatella Versace mentre prende parte alla cerimonia di apertura dell’Anna Wintour Costume Center)

Il fotografo Blair Bunting ha avuto la possibilità di salire, per la prima volta in vita sua, su un F-16 americano. Basta guardare i suoi occhi e la respirazione, per capire come ha vissuto il volo. La notizia, comunque, è che non ha vomitato.

Manco morto.

 photo tumblr_n2vtbggryp1sgu994o1_500.jpg

Lato B/In metropolitana.

May 6th, 2014

 photo tumblr_n4xq6wfiyd1qavvg1o1_500.jpg

Coccole in affitto.

May 3rd, 2014

 photo price.jpg

Niente sesso, solo coccole: il servizio offerto da “The Snuggle Buddies” è solo quello. Una squadra di scoccolatori professionisti, uomini e donne, a disposizione di chiunque sia disposto a pagare 60 dollari per un’ora di affetto, 120 dollari per due ore, 325 per una notte (qui il tariffario completo).

Si prenota e paga on-line.

Lo sguardo che uccide.

May 3rd, 2014

 photo angry1.jpg

Chiunque abbia un cane o un gatto conosce quei momenti in cui i nostri adorati ci guardano come se ci volessero ammazzare. Ecco una raccolta dei migliori potenziali assassini a quattro zampe.

Read the rest of this entry »

 photo 6a00e54fb7301c883401a73db5c55a970d-500wi.png

Confesso di dovermi ricredere sul #pacco di Tom Daley: il tuffatore, infatti, ha pubblicato sul suo profilo Instagram una sua foto, usando l’hashtag #MegaBulge. E, in effetti, non ha tutti i torti.