photo Cattura-8.jpg

Alla fine, dopo che a Milano ha già ampiamente preso piede, ho provato il servizio di auto a noleggio offerto da Uber anche a Roma. La registrazione è semplice: si scarica la App, si inseriscono i propri dati (inclusi estremi carta di credito), e all’occorrenza si cerca un’auto. Nel momento in cui si apre la App, vengono mostrate tutte le auto in zona e il tempo previsto per l’arrivo di un autista. Ho prenotato l’auto alle 10, tempo di attesa previsto di 7 minuti (e Monteverde non è centralissima): sul display è possibile visualizzare la posizione dell’autista in tempo reale. E’ arrivata una Mercedes Classe E, interni in pelle, autista in giacca e cravatta, super gentile (roba che nei taxi te la scordi). Prima di partire, sempre attraverso la app, si può richiedere una stima economica della corsa: in questo caso, di due euro superiore al prezzo reale che ho pagato alla fine. Per una corsa di 25 minuti, mi sono stati chiesti appena 21 euro: il 30% in più di quanto mi sarebbe costato il taxi. Al termine della corsa non si paga all’autista: i soldi vengono scaricati tramite la App e si riceve in tempo reale una ricevuta, via email.

 photo 2-9.jpg

Promosso a pieni voti.

No tags for this post.

19 Responses to “Rivoluzione Uber, una piccola svolta.”

  1. LucaM Says:

    oddio, il 30% in più non è proprio pochino…

  2. riverblog Says:

    Ragazzi, avete un autista eh…

  3. Psquared Says:

    Pure col taxi hai un autista, eh….!

  4. riverblog Says:

    Mi sa che non avete mai preso un autista vero, giacca e cravatta, che parla italiano e ha un’auto nuova di zecca ;)

  5. Deimos Says:

    Per 25 minuti faccio anche a meno di giacca e cravatta o auto nuova di zecca :)

  6. giacomo Says:

    intanto notizia di oggi prima multa fatta a genova di 1700 euro a questo tipo di servizio perchè cmq la lobby dei tassisti è troppo forte e condizionante.

  7. riverblog Says:

    E la nostra risposta sarà quella di usare questo servizio per renderlo ancora più forte.

  8. Gino Says:

    Il 30% in più è super giustificato dal livello di auto e autista: chi vuole spendere meno può prendere i taxi bianchi o l’autobus o la bicicletta, così inquina pure di meno, ma non hai un tipo in giacca e cravatta che ti aspetta sotto casa tua in 5 minuti con una macchina fighissima.

  9. Zorro2 Says:

    Io pago volentieri il 30% in piu per non vedere piu taxisti sciatti con auto che olezzano di acella, sedili unti e bisunti, radio perennemente e fastidiosamente accesa e che si lamentano dall’inizio corsa alla fine di quanto siano vessati e che rompono il c…o se vuoi pagare una corsa breve con la carta di credito, ma basta!! Se la creassero pure loro un’app…W UBER! Ciao

  10. aleh Says:

    non mi pare poco costoso: a parigi avresti pagato 12 euro

  11. beps Says:

    …come sempre money makes the difference.

  12. Jerome Says:

    Non sono per niente un promotore di questa App perché ne ho subito le conseguenze negative a Shanghai : quando scarseggiano i taci all’orario di punta, s’incerte il processo, e i tassisti vanno da chi offre di più… Però divo, anziché una banale protesta e una lobby sempre sulla difensiva in Europa, mi sarei aspettato ad una profonda rivoluzione migliorativa dei tassisti in termini di costi e servizi. Invece, nulla. Solo proteste e basta. Capacità di autocritica zero…. È quello che ci fotte in Europa, l’immobilismo..

  13. Jerome Says:

    Ooops… Mi si sono invertite le c con le v :-)) River, riesci a correggere il mio post ? Scusa…grazie

  14. etero(odiotaxi) Says:

    sei troppo fico River quando fai sfoggio dell’autista :) ahahaha (sono vecchio del posto e posso prenderti per il c..) . Cosa pensi dell’NCC? Io ho avuto un’esperienza piuttosto negativa. Parlava peggio di Totti e mi ha praticamente imposto una strada invece di un’altra.

  15. danilo Says:

    Sono confuso, Uber non si usa per pagare di meno? A prescindere dal fatto che uno apprezzi o meno il servizio, o lo trovi scorretto o meno.
    E’ un app famosa per far pagare meno dei taxi, e’ la prima volta che sento che costa di più? E’ così che funziona li?

  16. M@t Says:

    Per me costa già troppo il taxi e abito in una zona dove senza auto non ci si muove… Se sono in una città uso gli autobus (non sono regalati neanche loro)…
    I taxisti sono una categoria a parte, se ascoltaste qualche racconto capireste il perchè delle macchine sporche (gente che si trucca, mangia, si taglia le unghie) su auto che sono di proprietà del taxista… Farebbe saltare i nervi a chiunque…
    Il problema non è neanche dei taxisti ma di chi sta sopra…
    Non difendo i taxi (ribadisco mi costa meno usare la mia macchina tranne rarissimi casi) ma conoscendo qualche taxista mi metto anche nei loro panni…

  17. Gianni Says:

    Ahah Adoro come in Italia ci sia sempre la fregatura. L’Italia e’ una dei pochissimi Paesi al mondo dove Uber costa di più dei taxi. Qui in Belgio Uber costa la metà dei taxi. Il ragazzo di una collega e’ il General manager di uber Parigi e mi raccontava come dipende dal mercato. L’italia e’ uno dei pochi paesi dove qualcuno pagherebbe di più per lo status di avere un autista ecc e quindi caricano i prezzi ahah

  18. fubrifebra Says:

    @danilo
    è esattamente così: uber costa di più del taxi. Per il resto, fondamentalmente le altre cose che differiscono sono che la macchina è top di gamma, il guidatore non è in jeans e paghi con la carta di credito. Ah sì, e non devi parlare con nessuno per prenotare perché lo fai dall’app – per un certo tipo di milanesi imbruttiti questo anche conta molto.

    Tutto qua, fondamentalmente paghi la “figaggine”. Un po” come se ti compri una magliettina bianca: se è di versace la paghi 100 euro (sparo, non ce l’ho) se è dell’upim la paghi 5, ma sempre maglietta bianca è…

    …se nel rispetto delle regole da parte di tutti ognuno è libero di andare da versace o all’upim, a mio parere….

    … il punto è che a sorpresa a Milano tutto un tipo di clientela business preferisce andare da versace rispetto all’upim, forse molto più del previsto e anche per questo (metto “anche” perché sulla questione delle licenze non sono in grado di entrare) i tassisti – che è su quella categoria business che ovviamente incassano – si incazzano.

  19. danilo Says:

    Capito ora. Qui a Londra usano Uber per pagare di meno delle altre app (dipende poi dalla fascia oraria perché il prezzo cambia ogni momento) poi ci sono le altre app che invece ti mettono in contatto con I mini cab. O altrimenti c’è l’ormai istituzionale Addison Lee. A parte qualche minicab ovunque regna cravatta e pulizia. Tutto questo per dire che dal cab ad andare indietro ogni passaggio ha applicato una tariffa più bassa. Questa storia di Roma e Milano e’ l’unica in cui si finisce a pagare di più.

Leave a Reply