photo 1-3.jpg

Ormai saranno quasi sei, forse pure otto mesi. E la tosse – secca, stizzosa, senza catarro, molesta –  va e viene. E quando viene, non c’è modo di mandarla via. Solo il cortisone mi aiuta. Nei giorni più acuti, non posso dormire. Come a settembre, quando ho passato tre notti in bianco, prima che un prof mi prescrivesse il Medrol. Da allora – esclusa la parentesi della pericardite – è tornata due volte. Mi hanno visitato cinque medici. La diagnosi? Ignota. NB: quando respiro a bocca aperta, da sdraiato, si sente un leggerissimo fischio. Per lo pneumologo è la glottide. In sintesi, gli ultimi cinque mesi di visite:

– Dopo mesi e mesi di tosse random, ma con la quale si poteva in qualche modo convivere, il medico generico, a settembre, ipotizza, per primo, una tosse da reflusso. Mi prescrive una terapia, ma dopo un giorno la tosse esplode con violenza, impedendomi di dormire. Decido di andare da un gastroenterologo.

– Mi visita un gastroenterologo. Visita un po’ sommaria, il prof va un po’ di corsa. Esclude il reflusso, dice che non ho i sintomi propri della patologia, ma non mi guarda mai in bocca. Mi dice di tentare una terapia da reflusso, ma io non mi fido.

– Lo pneumologo, che mi avrà visitato 5 volte, trova che polmoni e bronchi siano sanissimi. Due lastre, tutte e due negative. Due spirometrie vanno benissimo (tipo che i polmoni lavorano al 130%). Ipotizza un problema alle vie aeree superiori. Ho la gola arrossata, dice. A dicembre, quando la tosse ritorna, tentiamo cura con Avamys e Aerius. Inizialmente va bene. Poi ritorna, siamo ai primi di gennaio. Passiamo al Bentelan, 0,5% e passa di nuovo.

 photo 2-2.jpg photo 4-1.jpg

– Il super prof otorinolaringoiatra, che nel curriculum ha pure la gola di due Papi, esclude qualsiasi affezione delle vie aeree superiori. Mi infila il sondino nel naso, tutto negativo. Mi ricorda che l’80% delle tossi è di natura allergica.

– Il super prof di allergologia mi fa fare i test. Tutti negativi. Dai pollini agli animali. Niente di niente. Sono allergologicamente sano.

– Si torna alla prima ipotesi: reflusso. Mi visita di nuovo lo pneumologo: tentiamo la via del gastroprotettore, Pantorc 20 mattina e sera.

E poi? Mi rimane Lourdes. Una cosa è certa: non fatemi fare la gastroscopia, please.

No tags for this post.

23 Responses to “Storia di una tosse che non va via.”

  1. itchy Says:

    Forse sarò pessimista, ma in base all’esperienza personale i medici la maggior parte delle volte non riescono a curare una mazza (salvo però prendersi la loro profumata parcella)!
    La medicina di oggi nel migliore dei casi è soltanto in grado di mettere delle toppe ai problemi degli ammalati, senza risolverli quasi mai in modo definitivo!
    Proprio per questo considero la professione del medico equivalente a quella dell’antico stregone!

  2. elenalomu Says:

    Riv. La gastroscopia è meno paurosa di ciò che si crede. A me hanno dato il valium prima di cominciare ed ero in una bolla di sballo che non ti dico. Mentre me la facevano avevo i rutti e in testa ridevo come una scema pensando “uhhh i ruttiiii” manco avessi 7 anni.
    (lo so, ho una pessima resistenza alle “droghe”, ma chissà magari il mio racconto ti ha fatto passare un po’ l’ansia :) )

  3. francy88 Says:

    e’ comunissimo! ne ho sentite tantissime dipresone negli ultimi anni con tossi secche senza causa… compreso me e leggendo mi sembra di leggere il mio ultimo anno e mezzo.
    ho fatto tutto l’immaginabile…. esito dopo 10.000 euro di medici esami (rx torace, tac polmoni e seni nasali, spirometria, rinoscopia, gastroscopia milioni di analisi allergologiche….) sinusite cronica e scolo di muco dal naso…. (detto post nasal drip) mah

  4. b.flow Says:

    domanda scema… ultimo bentelan preso prima delle prove allergologiche?

  5. sonia Says:

    mio figlio aveva una tosse molto simile.Dopo vari tentativi si è rivolto al Centro della Tosse(noi siamo di Firenze,ma credo ci sia anche in altre città).In effetti era da reflusso ed ha fatto per un anno una terapia mirata.Adesso è molto migliorato.
    Nessuna gastroscopia.

  6. abbi Says:

    La gastroscopia non è ‘sta tragedia.
    Molto peggio una notte insonne per la tosse.
    Se hai un po’ di ferie perché non provi a cambiare aria, in senso letterale?
    Tanto per escludere i fattori ambientali locali.

  7. G.. Says:

    Senza che mi metta qui a dire tutto, ti dico una cosa sola. Quando prescrivono il cortisone (in questo caso il bentelan) è perché non sanno cos’hai. Ovvio che il cortisone allevi qualsiasi sintomo possibile ed immaginabile (se stai a morì e lo perdi, te senti meglio). Quindi se te lo prescrivono, a mio modestissimo parere, non iniziare proprio la cura e vai da un altro specialista. Guadagni tempo. ;)
    (I’m a med student. Magari così ti fidi un poco poco di più)

  8. Lele Says:

    Avevo il tuo stesso problema di tossetta secca, stizzosa e continua.
    Vado da un otorino, mi guarda in gola, mi ausculta anche, dice che i polmoni sono liberi e che la gola è bella.
    Ergo, conclude che sia MRGE. Mi prescrive il Pantoprazolo da 40, una pastiglia al mattino.
    Una semplice pastiglina al mattino… e sono rinato. Tempo pochi giorni, tosse scomparsa, dormo da dio e non è più ritornata. E sono ormai più di 4 anni…

  9. Marco Says:

    Come ha detto francy88, è molto plausibile che la causa vada ricercata nel muco nasale che contiene un virus il quale continua a propagarsi nei polmoni causando la tosse secca.
    Non ho avuto esperienze personali in tal senso, ma conosco almeno un paio di persone che si trovavano nella tua stessa identica situazione e hanno risolto alla grande con aerosol di Fluimucil con antibiotico (esiste un Fluimucil per aerosol che contiene antibiotico).

  10. Davide G. Says:

    Nessuno degli specialisti consultati ha fatto l’ipotesi di una tosse psicosomatica? In psichiatria è ben nota la tosse nervosa, di origine psicosomatica, originata ad esempio da una rabbia repressa, ma le cause possono essere le più svariate. Prova a sentire uno psichiatra o uno psicoanalista.

  11. ubi Says:

    Concordo con b.flow: hai fatto tutti questi test sotto cortisonici?

  12. Defe Says:

    Carissimo, sto vivendo lo stesso identico calvario, sono 4 mesi. Stesse ipotesi stessi risultati. Ovvero zero risultati…
    antibiotici, bentelan 0,5, bentelan 1, fumi… e ad un certo punto hanno iniziato a guardarmi in modo compassionevole “mah…quella tosse li…mi sa tanto che è psicosomatica: lavora di meno, rilassati…prendi tutto troppo seriamente”
    che palle…
    a volte ho attacchi così violenti che vomito. Accade anche a te?
    in bocca al lupo :-)

  13. Patrick Says:

    Hai mai fatto un test delle intolleranze alimentari? Spesso hanno i sitnomi più strani e meno sospetti, ma una reazione intollerante produce istamina che è anche responsabile della tosse, a volte.

  14. Max Says:

    Ciao Riv, ne abbiamo sofferto spesso io e mia figlia, l’otorino la definì “SIRT” ( sindrome ipersensibilità dei recettori della tosse) e l’abbiamo affrontata in diversi modi, avendo cause molteplici. Essenzialmente può dipendere da un assottigliamento delle mucose che diventano iperreattive, specie nell’addormentamento, quando laringe e glottide si rilassano e immancabilmente arriva il “picco”.

    Ti elenco una serie di suggerimenti/riflessioni:

    1) Reflusso? Alza la spalliera del letto, cena leggera con pochi grassi, evita sostanza eccitanti ( thè, caffè, cioccolata, pepe etc) dal pomeriggio alla sera, magari fatti prescrivere inibitori di pompa per l’eccesso di acido

    2)Agenti irritanti ( inquinamento, fumo passivo, detersivi e solventi aggressivi etc…) stanne alla larga, magari comprati un piccolo depuratore con filtro Hepa per la casa

    3)protezione delle mucose: idratazione, integratori a base di omega3/6 (fish factor), ma evita il ricorso a mentoli, balsamici, ecc… meglio le vecchie caramelle al miele

    4) umidità: con le mucose arrossate e sensibili meglio alzarla, dovrebbe essere almeno al 50/60% in casa, specie la sera

    5) farmaci: cortisonici, aerosol, antistaminici SECCANO le mucose, non abusarne ( mia figlia peggiorava con l’aerosol), inoltre sciacquati sempre bene la bocca dopo il bentelan: è un immunosoppressore, ad abusarne ti ritrovi con un rischio aumentato di candidosi

    6) tosse psicosomatica: non possiamo cambiare carattere e stile di vita, però staccare un momento e fare attività fisica si (non la sera), e ne giova anche la risposta immunitaria, oltre che l’umore.

    7) potenziamento sistema immunitario: soluzioni tipo ISMIGEN o similari fanno la differenza, da fare ad ogni cambio di stagione

    8)fede, lourdes et similia ( fammi scherzare!):
    una volta spogliate tutte le nostre considerazioni umane da preconcetti e pregiudizi osserviamo, nell’ateismo come nella fede più spinta, come sia necessario giungere alla semplicità e all’essenzialità dei concetti come l’amore per la vita e per il prossimo.

    inutile associare l’acqua di Lourdes al cornetto rosso
    sciocco pensare che la salute equivale all’assenza di malattia
    folle idolatrare le pratiche religiose, la Chiesa e i suoi esponenti, sono meri strumenti per arrivare alla verità, che per i cattolici è Cristo.

    Auguri Riv, e non ti preoccupare! Questi piccoli acciacchi ci accompagneranno serenamente per tutta la vita.

    Ti auguro un “Renziano” #staisereno!

  15. andre Says:

    ciao river, mi chismo andrea e sono un infermiere cri-118. Ho abbastanza esperienza in medicina interna. Senza vedere analisi ed eaami strumentali, posso solo ipotizzare un percorso diagnostico-terapeutico. Non so se l hai già fatta, ma ti consiglio di fare un tac delle vie aeree superiori e torace, cosi da controllare disfunzioni meccaniche e infiammazioni varie, compreso tiroide, nervi vari e diaframma. Nel mentre ok per le terapia da reflusso, usurei il lansoprazzolo invece del pantorc. Forse potresti pensare che come infermiere non dovrei mettere bocca su fatti medici, ma ho abbastanza esperienza in questo campo. Buona fortuna per tutto. Se vuoi cmq ti lascio il mio numeto XXXXXXXX. (se mi dovessi contattare non ti preoccupare che sono sotto segreto professionale)

  16. scaluzzi Says:

    Io avevo il terrore della gastro ma l’ho fatta in sedazione profonda presso una clinica privata di Bologna. Certo, ho dovuto pagare anche l’anestesista, ma non ho sentito nulla. Nel caso te la consiglio…se sei curioso dai un’occhiata al primo risultato su google scrivendo casa di cura toniolo gastroscopia.

  17. Casualboy Says:

    questi infermieri sono pericolosi, ancor di piu’ se consigliano tac del massiccio faciale (ad alto carico radiante) a cazzo di cane e si ritengono esperti in campi medici…
    da denuncia.

  18. gamezaki Says:

    river, non per portare acqua al mio mulino di medico ma suona proprio come tosse da reflusso, considerando tutte le negatività di altro tipo (ma anche prima di averle a dire il vero, il tuo medico generico secondo me aveva fatto il ragionamento giusto) e che tosse stizzosa, raucedine e simili sono proprio i sintomi atipici della malattia da reflusso gastroesofageo. Comunque non ti preoccupare per eventuali esami invasivi, di solito si fa solo la terapia anche perchè è per lo più di originie funzionale o da stress, al massimo una phmetria di conferma ma fra tutti gli esami che coinvolgono un tubo ti assicuro che è uno dei meno fastidiosi!

  19. Elia Says:

    Prendi un anti ipertensivo per caso?? Nel qual caso potrebbe essere un effetto collaterale.

  20. Almir Says:

    ma anche prima di averle a dire il vero, il tuo medico generico secondo me aveva fatto il ragionamento giusto

  21. Andre Sanchez Says:

    hai fatto tutti questi test sotto cortisonici?

  22. João Martinho Says:

    Auguri Riv, e non ti preoccupare!

  23. sim Says:

    Stessa identica situazione ormai da 9 anni!ho fatto una marea di visite specialistiche e non ho risolto niente. So che non ho reflusso, che non sono assolutamente allergica,che i miei polmoni sono perfetti, che non ho problemi di tiroide, che non è stress (mi hanno somministrato addirittura il Lexotan), e che non sono soggetto asmatico. Sicuramente starò dimenticando qualcosa…ma tutto questo per dirvi che dopo 9 anni sono ancora in alto mare e ancora insieme alla mia fastidiosissima tosse, che a volte è talmemte stizzosa che non solo non riesco a parlare ma, come diceva qualcuno, mi fa perdere d’aria e mi fa vomitare.

Leave a Reply