photo dsquared2_ss16_campaign-fy1.jpg

Non presento le campagne dei brand se non c’è qualcosa che mi colpisce – che non sia la solita e prevedibile bellezza dei modelli. Di Dsquared2 e della loro Spring/Summer 2016 mi colpiscono i colori. Dei vestiti e dei loro protagonisti (Mitchell Slaggert, Kit Butler e Ivo Buchta). I capelli. Le mani. E quegli sguardi un po’ sospesi nel nulla.

 photo dsquared2_ss16_campaign-fy2.jpg

(le foto sono di Mert Alas e Marcus Piggott).

 photo dsquared2_ss16_campaign-fy3.jpg photo dsquared2_ss16_campaign-fy4.jpg photo dsquared2_ss16_campaign-fy5.jpg photo dsquared2_ss16_campaign-fy6.jpg photo dsquared2_ss16_campaign-fy7.jpg photo dsquared2_ss16_campaign-fy8.jpg photo dsquared2_ss16_campaign-fy11.jpg photo dsquared2_ss16_campaign-fy9.jpg photo dsquared2_ss16_campaign-fy12.jpg photo dsquared2_ss16_campaign-fy10.jpg

2 Responses to “Quei ragazzi colorati nella campagna Dsquared2 .”

  1. Marco Says:

    Incantevoli i modelli.
    La cosa che trovo orrenda, già vista in altre sfilate/foto dello stesso brand, sono le tutine finto tatuaggio integrale… Davvero di cattivo gusto.
    A quel punto avrebbero dovuto prendere modelli super tatuati, che non mancano.

  2. themalemood Says:

    Le tutine finto tatuaggio sono pezzi della collezione quindi a che pro mettere modelli tatuati quando devono pubblicizzare le maglie e i leggins tatoo?

Leave a Reply