Amavo il Frank Matano di una volta. Quello degli scherzi telefonici su Youtube. Poi, con la tv, come spesso accade, questi ragazzetti made in social si perdono. Vogliono crescere e, invece, fanno passi indietro. Che è un po’ quello che è accaduto a Frank, che pare essere precipitato nella spirale della satira più becera, alla “I soliti idioti”, con la serie “Mago Matano”. L’ex disturbatore telefonico, in pratica, è un mago che interviene nelle situazioni più insolite. C’è il nipote disoccupato che vuole comprarsi un iPhone: il nonno non gli dà i soldi perché la pensione è bassa, così Mago Matano arriva, uccide il nonno e porta il nipote dal notaio per vedere il contenuto dell’eredità del parente defunto (un iPhone appunto). In un altro episodio, ancora più brutto, Mago Matano aiuta una ragazzina adolescente a tornare a “fare la zoccola” (testuale) sui social. Perché si sa, le ragazzine quello fanno (almeno secondo i maschilisti).

Davvero non sono riuscito a ridere, neanche un po’. E non voglio credere che questa comicità così becera e intrisa di luoghi comuni, oggi, possa davvero piacere.

No tags for this post.

8 Responses to “Frank Matano, i “consigli per zoccole” e la satira da Soliti Idioti.”

  1. Ze Says:

    Concordo. Preferisco il Matano di Got talent. La satira così no.

  2. Capozzi Says:

    Mai conosciuta questa sua deriva da mago…. Faccio bene a non seguire tutto quello che passa il convento.

  3. Davide G. Says:

    Comicità di pessimo gusto.

  4. Aran Banjo Says:

    l’ennesimo miracolato… raccolto da un tv in agonia solo per sfruttare una supposta fama generata da click su youtube….
    tristezza

  5. ivan1979 Says:

    Hai ragione. Fanno veramente pena sti sketch…

  6. Sabot Says:

    Oh Riv, ti capisco, hai ragione, parole sante, tu cogli sempre nel segno! Questi personaggetti miracolati che fanno la gavetta nel tinello di casa andrebbero banditi da tutti i palinsesti televisivi; se stanno in televisione è perché ormai le maestranze della TV non hanno più a disposizione i sontuosi baggett e i bravi autori di una volta. Una cosa triste e vergognosa la deriva della TV commerciale (e non solo!) di questi ultimi anni di profonda crisi economica, e nello specifico vien da pensare – e a pensar male si fa peccato ma spesso ci si azzecca – che i testi penosi e di pessimo gusto forse glieli hanno scritti gli stessi autori in forze all’inossidabile Barbara D’Urso, all’immarcescibile GrandeFratello o all’inaffondabile IsoladeiFamosi. Ma lui sembra avere comunque una faccia da bravo figliuolo. Sembra eh, almeno fino a prova contraria… Amen.

  7. matanino Says:

    Strano, a me piacciono le gag del Mago Matano. A quanto mi risulta stanno avendo successo e non le trovo più ciniche di quelle dei mitici Benny Hill o Mr. Bean, per fare qualche esempio, apprezzate in mezzo mondo da adulti e piccini. Il suo canale su YouTube ha oltre un milione di fan, quasi il doppio rispetto a quelli raggranellati da willwoosh, altra stella di YT miracolata di recente dalla tv italiana. A proposito, Riv caro, quando apri un tuo canale su YT? ;)

  8. Andy Crop Says:

    Prima di tutto dobbiamo chiederci se sia satira.
    La satira è una critica articolata rivolta a qualsiasi cosa. Ripeto: qualsiasi.
    Questa roba in qualche modo critica e sovverte qualcosa? No.
    In realtà si tratta di umorismo abbastanza blando, prevedibile. Conserva e non fa di certo progredire nulla, per quanto riguarda l’affrontare certi argomenti.
    Si limita a reiterare certi assunti, senza dargli una prospettiva e vera sostanza.

Leave a Reply