Quando sento che ho bisogno di scrivere, ma i sentimenti sono ingarbugliati e la matassa appare senza inizio e senza fine, mi aiuto con Arisa. Una canzone qualsiasi, apro Spotify, tanti titoli raccontano pezzi di me, relazioni, mancate o finite. E inizio a mettere a fuoco il mio stato d’animo e a tradurlo in parole. Con questo post, inauguro una serie di racconti sulle persone che ho incontrato, recentemente. Che mi hanno fatto sorridere. O mi hanno deluso. It’s life.

Sono tante le parole che non ci siamo detti. E continueremo a farlo, probabilmente. Forse non ci parleremo mai più. Non ci (ri)vedremo. Chissà. Ci siamo incrociati virtualmente per anni. Talvolta scritti, altre solo letti. Un like che è un “ci sono”, ma nulla di più. Poi ci siamo incrociati, dal vivo. Ed era, appunto, come se ci conoscessimo da tanto tempo. Tre volte. La prima, in cui ci siamo osservati, studiati, sorrisi, stretti la mano, promesso di riscriverci, rivederci. Promessa vaga. Forse sono quelle che sopporto di meno. A un silenzio che è ferma consapevolezza dell’impossibilità di portare avanti qualsiasi cosa che non sia una conoscenza e alla promessa di “vedersi un giorno, quando tu non lavori e io mi fermo più a lungo”, ecco, preferisco il primo. Ma tant’è. Però sei stato di parola. Perché la seconda volta ci siamo rivisti. Ci abbiamo lavorato, un po’ di mesi, ed è successo. A Roma. E in una cornice “lavorativa”, un pretesto che era un modo per ascoltarti di nuovo. L’unica possibile, per due persone così lontane ma forse simili. Con due vite diverse, e due cuori, uno occupato, l’altro in attesa di prenotazione. La seconda volta ti ho sentito vicino. E non è stato quando mi hai regalato una dedica, che è ogni volta una sorpresa, anche se – te lo confesso – me la aspettavo. Anzi. Era una delicata pretesa, un po’ come quando fai gli anni e ti aspetti gli auguri in bacheca su Facebook. Ti ho sentito vicino quando ci siamo abbracciati e, per la prima volta, ho sentito il tuo profumo. Ho accarezzato la tua guancia. Ed è stato bello, perché anche se eravamo in mezzo ad un bel po’ di persone, era come se fossimo soli. Era una parentesi, che avremmo chiuso dopo i canonici quindici, venti minuti massimo, prima del taxi, prima del ritorno, lontano da Roma (non sono i chilometri, ma le nostre galassie a essere distanti). Prima di voltare pagina, un punto, un altro breve paragrafo che si chiudeva. La terza e ultima volta, poche settimane fa. In trasferta. Per entrambi. Terreno neutro. E io avevo voglia di stringerti forte. Di dirti “mi sei mancato”, e stop. Non c’è un “dopo”, nei miei pensieri. E’ un voler aprire una parentesi, di nuovo, pur sapendo che si chiuderà, e anche presto. Perché così deve essere. Ed è giusto che sia così. Sì, accontentarsi è importante, non mi piace chi pretende tutto. Questi sono regali, che non si chiedono, si offrono, perché il cuore ha scelto di farlo. Anche quello che è occupato. Ed è stato bello, anche quella volta, stringerti, tra le pareti sgangherate di uno stanzino, stavolta al riparo dagli sguardi di chi non doveva essere pubblico, non di quell’interazione. Un abbraccio, nulla di più. Ti ho stretto forte. E sì, ho smesso e sono andato via, quando me lo ha chiesto, sapevo che era meglio così, perché quando il tempo si ferma, e ti dimentichi di quello che hai intorno, è meglio se smetti di correre. Pedale, freno, retromarcia, altra direzione. Certe emozioni non vanno decifrate, basta masticarle e digerirle. Ne ricorderemo il sapore, solo quello. Ci sono tante parole che non ci siamo detti, ma che prima o poi esploderanno, e forse allora staremo bene.

Ci sono intrecci che nascono con la morte nel cuore. E non è triste, è la vita. Quando, qualche giorno fa, ho scritto che avevo smesso da tempo di cercare un’anima (gemella), è vero. Prendo quello che la vita mi offre, nel supermarket delle emozioni e dei doni carnali, consumo, ringrazio, e vado avanti. Come faccio sempre, con questo post rifletto su quello che mi è appena successo. Non l’ho fatto con nessuno, neanche con me stesso. Scrivere un blog è essere sinceri, con se stessi, prima ancora che con gli altri.

E sì, quegli abbracci sono stati veri.

No tags for this post.

33 Responses to “Incontri/1. Quegli abbracci e quelle parole che non ci siamo detti.”

  1. Eddie Says:

    mammamia quante emozioni e situazioni rivedo … un abbraccio forte coro River, te lo meriti. Grazie

  2. Ultraviolet Says:

    Mi manca tanto guardare il mondo nella sua attualità attraverso i tuoi occhi.

  3. Gino Says:

    Un abbraccio Riv, dovunque ti porti la vita e in qualunque contesto ti trovi. Ognuno ha la sua strada da percorrere e io non posso fare altro che augurarti buon viaggio amico!

  4. kaspita70 Says:

    Ma… è tutto finito?

  5. Stefano Bg Says:

    Ciao river, ti auguro di cuore un sereno e felice 2017 un abbraccio Stefano Bergamo

  6. Vale Says:

    Manchi…

  7. GM Says:

    Ogni tanto apro la pagina, rileggo qualche vecchio post e spero di risentirti presto… Un abbraccio e un saluto :*

  8. lemmy Says:

    river l’altra sera ho rivisto my own private idaho e ti ho pensato
    spero di leggerti ancora qualche volta. mi manchi, ma viva il lupo

  9. VNSN Says:

    C’è una frase che mi ha completamente steso.

  10. Franz Says:

    Tra pochi giorni si compie l’anniversario di ‘un anno senza River’. Spero in un ritorno, manchi!

  11. Sly82 Says:

    “Ci sono intrecci che nascono con la morte nel cuore. E non è triste, è la vita.”

    Più di un anno… manchi :)

  12. valerio e giovanni Says:

    River ci manchi un casino, ti salutiamo e speriamo tu stia bene, quando torni a farci compagnia con il tuo diario?

  13. Danuz Says:

    River torna! :(

  14. Robby Says:

    Ma sbaglio o qualche settimana fa partiva come background music del sito “I know it’s over” di Jeff Buckley? Spero non sia un segno della fine definitiva del nostro River (blog).. :( Qualcuno ha notizie di lui?

  15. mister luca Says:

    River…ti aspetto

  16. mister luca Says:

    River…

  17. winwar Says:

    non smetto di sperare in un ritorno <3

  18. zam Says:

    ciao,ma che fine hai fatto?qualcuno sa’ qualcosa?un abbraccio :)

  19. lemmy Says:

    ma proprio non vuoi tornare…
    ci manchi riv ci manchi davvero come manca un amico lontano che sappiamo esserci ma è lontano
    torna, dai…

  20. Ultraviolet Says:

    Miss you!

  21. alderanilore Says:

    io che torno qui con regolarità… ma non ti trovo mai!
    un forte abbraccio sperando tu stia bene

  22. Omar Says:

    E niente… ci hai proprio abbandonato. Chissà cosa fai. cosa è cambiato. Cosa non è cambiato. Con chi stai. CI manchi

  23. b.flow Says:

    Davvero non hai più nulla da dirci?

  24. riverblog Says:

    Sì, mi mancate anche voi.

    Ma sono cambiate troppe cose. Sono cambiato io. E sento questo mondo troppo distante da me.

    E’ stato tutto molto bello. E vivo.

  25. alderanilore Says:

    un abbraccio forte… mi ero preoccupato e invece il messaggio trovato oggi un po’ mi tranquillizza! Bacio

  26. Ultraviolet Says:

    Ti penso spesso! Spero sempre di trovare qualcosa di tuo in giro nel web. Ma penso che tu stia bene così,in questa nuova forma. Ciao River :)

  27. giu_c15 Says:

    tornaaaaa! <3

  28. Planck Says:

    Ho iniziato a leggere questo blog quando frequentavo la quarta ginnasio, tanti e tanti anni fa. L’argomento del post era la modalità con cui facevi la cacca ( una cosa del genere comunque ).
    Da quel momento ho iniziato a seguirti con regolarità. Rientravi in quei siti che frequentavo in segreto, senza che qualcuno dovesse scoprirlo perché questo avrebbe significato comprendere la mia omosessualità.
    A quei tempi vivevo la mia identità soffocandola dentro me stesso e questo sito come altri, rappresentava l’unico momento in cui potevo dirmi che si, mi piacevano le foto di uomini a petto nudo, mi piacevano le allusioni sessuali di due maschi che fanno l’amore. Leggevo i post dove commentavi Amici, dove raccontavi la tua passione per river, per Jeff, dove esponevi la tua intimità. Mi tenevi compagnia mentre leggevo le riflessioni più profonde sulla tua vita, su tua madre. C’ero quando hai perso il tuo meraviglioso labrador, c’ero ad ogni trasloco, al tetto del bagno che ti cade sul piatto della doccia, alle liti con i vicini. Ogni giorno, per anni, ho aperto la tua pagina perché trovavo la tua vita interessante, perché le tue emozioni mi tenevano compagnia in momenti in cui io ero profondamente solo.
    Ho smesso di seguirti qualche mese prima di questo ultimo post. Entravo comunque saltuariamente, come si controlla il profilo Facebook di un vecchio compagno di classe. Per curiosità, per vedere che facevi, come stavi.
    Questo è accaduto perché naturalmente le cose prima o poi finiscono e lasciano dietro una scia di malinconia.
    Ti scrivo queste parole per ringraziarti di quelle sere in cui mi mettevo a leggere i tuoi post, in cui aggiornavo la pagina sperando che avessi messo qualche nuova foto.
    Sei stato un ottimo amico. E il fatto che ancora persone ti scrivano chiedendosi come stai, ti fa capire che hai riempito le serate di molti come me. Quando una persona manca così tanto, nonostante la vita vada avanti, cambi ed evolva, significa che vale molto.

    Un abbraccio e buon 2019!

  29. Elia Says:

    Avevo da tempo appurato che ormai il tuo blog appartenesse ai ricordi, quelli belli, di ciò che fu; tuttavia ci ritorno una tantum, con la curiosità di spulciare se tu, River, fossi per caso ritornato a battere tasti sulla tastiera, per chi ti leggeva qui su.

    Solo oggi mi capita di leggere il tuo ultimo commento, risalente ormai a un anno fa… Beh, che qualcosa fosse cambiato, che tu fossi altro e altrove, si intuiva più che bene. La vita accade. Buon viaggio!

  30. Gaga87 Says:

    Seguivo questo blog quando avevo22/23 anni, mi dispiace tantissimo vederlo così :/

  31. riverblog Says:

    E ogni tanto torno a leggervi.

    Sì, mi mancate, in fondo.

    Ma sono cambiato, tanto.

    Grazie a chi, ogni giorno, continua a passare di qui.

  32. Divo90 Says:

    E anch’io di tanto in tanto passo di qui, non si sa mai… 😋
    L’importante è che tu stia bene.

    Un abbraccio River

  33. riverblog Says:

    <3

Leave a Reply